Menu principale

Login

Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Contatore visite

PAROLA DELLA SETTIMANA : FINE GIUGNO E INIZIO LUGLIO 2015
Inviato da Alba il 29/6/2015 17:50:00 (725 letture) News dello stesso autore


PAROLA DELLA SETTIMANA




 L'Evangelista Marco narra di due miracoli di Gesù. Egli è pressato da ogni parte da una folla enorme, quando viene avvicinato da uno dei capi della Sinagoga, Giàiro, che lo supplica di andare a casa sua, dove la figlioletta è in fin di vita. La vita della figlia gli preme al punto di trascurare le critiche dei suoi fratelli di fede. Egli cerca Gesù, il quale è un personaggio molto discusso, ma a quel punto è l'unica speranza che gli rimane di salvare la bambina. Gesù accetta di seguirlo, tuttavia ha un altro incontro: una donna che soffre da anni di perdite di sangue, avvicina Gesù dal di dietro, pensando che basterà toccargli il mantello per ottenere la guarigione. Non apre bocca, non si inginocchia, ma quel suo solo gesto ottiene la guarigione. Gesù si ferma e chiede chi lo abbia toccato; questa domanda meraviglia tutti, considerando la grande ressa di folla che c'è, ma la donna, pur impaurita, confessa il suo gesto. Teme di essere rimproverata, perché la sua situazione non le consente di toccare nessuno, perché lo renderebbe impuro, ma Gesù non la sgrida affatto, ma le dice che la sua fede l'ha salvata. Intanto giungono persone dall'abitazione di Giàiro, che gli dicono che non disturbi più Gesù, perché la figlioletta è già morta. Gesù, invece, gli raccomanda di avere fede e prosegue con lui fino alla casa, dove tanta gente sta gridando e piangendo. Gesù allontana tutti e dice che la bambina sta solo dormendo. Viene deriso, ma Egli entra con la famiglia e con Pietro, Giacomo e Giovanni, gli Apostoli che hanno assistito alla Sua Trasfigurazione e che saranno con Lui nell'Orto degli Ulivi, durante la Sua Passione. Entrati nella stanza, Gesù prende una mano della bambina e le dice: «Fanciulla, io ti dico: àlzati!». Ella si alza e cammina, mentre tutti sono presi da grande stupore. Gesù raccomanda loro di non parlare dell'accaduto, perché non desidera pubblicità, ma desidera solo che si fidino di Lui e ascoltino le Sue parole. Poi raccomanda di dare da mangiare alla bambina. Gesù ci aiuta, ma desidera sempre che facciamo anche noi la nostra parte.

Impariamo questo ed anche a non disperare mai, rivolgendoci invece al Signore che può tutto. Non ascoltiamo chi ci dice che la nostra fede non serve a nulla e non perdiamo la pazienza quando sembra che il Signore attenda ad aiutarci, come ha fatto quando si è fermato per la strada a parlare con la donna che gli aveva toccato il mantello, mentre la bambina stava morendo.



 



 



 




Altre news
15/9/2019 18:30:00 - TERZA SETTIMANA DI SETTEMBRE 2019
9/9/2019 17:50:00 - SECONDA SETTIMANA DI SETTEMBRE 2019
2/9/2019 10:20:00 - PRIMA SETTIMANA DI SETTEMBR E 2019
26/8/2019 8:30:00 - ULTIMA SETTIMANA DI AGOSTO 2019
18/8/2019 17:30:00 - TERZA SETTIMANA DI AGOSTO 2019

Dalle Rubriche

Power point

Dalla Galleria foto

ANNUNCIAZIONE: PRIMO MISTERO DELLA GIOIA
NASCITA DI GESU': TERZO MISTERO DELLA GIOIA
PRESENTAZIONE AL TEMPIO: QUARTO MISTERO DELLA GIOIA
1° DOLORE - PREGHIERA DI GESU'
CATINO PER LA LAVANDA DEI PIEDI IL GIOVEDI' SANTO

Cerca nel Sito