Menu principale

Login

Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Contatore visite

PAROLA DELLA SETTIMANA : QUARTA SETTIMANA DI LUGLIO 2015
Inviato da Alba il 25/7/2015 12:50:00 (742 letture) News dello stesso autore


PAROLA DELLA SETTIMANA

      



Il Signore ci ha dato la vita e ci ha posto su questa Terra, che Egli stesso ha creato con una immensa fantasia. Ci siamo pian piano abituati a considerare naturali gli eventi quotidiani che la Sapienza di Dio ha predisposto. Tutto è stato fatto con estrema Sapienza, per cui possiamo avere l'aria per respirare, il cibo da mangiare, il calore necessario perché possiamo vivere, l'acqua per sopravvivere, e potremmo continuare... Abbiamo tutto ciò che ci è necessario per vivere e ci sarebbe per tutti gli uomini, le donne e i bambini di questo mondo, se noi fossimo più giusti e meno egocentrici...

Gesù, di fronte ad una grandissima folla, sente compassione e li nutre non solo del suo insegnamento, ma si rivolge a Filippo, chiedendogli dove si potrà trovare pane a sufficienza per sfamare tutta quella gente. Egli naturalmente sa che cosa sta per compiere, ma invita Filippo a riflettere. Impossibile trovare tanto cibo per tutti!

Ed ecco che avviene un fatto molto particolare. Un ragazzo mette a disposizione quello che ha: cinque pani d'orzo e due pesci. Sono niente, di fronte alla fame di quelle persone e quel ragazzo non teme di essere deriso. Cos'è questo per tutta quella gente? Eppure Gesù dice ai discepoli di far sedere quella gente. Saranno circa cinquemila uomini (leggiamo su un altro Vangelo, in cui si dice che non vengono contate le donne e i bambini, quindi le persone sono molte di più di cinquemila).

Gesù prende i pani, rende grazie e li dà a tutti quelli che sono seduti sull'erba
quanti ne vogliono  ; lo stesso fa con i pesci, finché tutti sono sazi. Poi dice ai discepoli di raccogliere i pezzi avanzati, perché niente vada perduto ed essi ne raccolgono dodici canestri.

Tutti riconoscono che Gesù è certamente il Profeta che doveva venire nel mondo. Gesù è costratto ad allontanarsi, perché lo vogliono fare re.

Riflettiamo sul fatto che Gesù avrebbe potuto donare il cibo anche se non avesse avuto nulla in mano, però Egli ci insegna che vuole la nostra partecipazione generosa, rappresentata dal gesto di quel ragazzo che ha donato del suo. Anche a noi Gesù chiede generosità e partecipazione, poi interviene sia con eventi "naturali" sia con interventi straordinari, come in questo caso, per donarci quello per cui noi non siamo capaci.

Impariamo anche a ringraziare ogni giorno il Signore per tutto quello che ogni giorno ci dona, dopo averci già donato la vita!



 



 



 



 



 



 




 



Altre news
13/10/2019 10:00:00 - SECONDA SETTIMANA DI OTTOBRE 2019
6/10/2019 9:50:00 - PRIMA SETTIMANA DI OTTOBRE 2019
30/9/2019 8:20:00 - FINE SETTEMBRE E NIZIO OTTOBRE 2019
20/9/2019 10:30:00 - QUARTA SETTIMANA DI SETTEMBRE 2019
15/9/2019 18:30:00 - TERZA SETTIMANA DI SETTEMBRE 2019

Dalle Rubriche

Power point

Dalla Galleria foto

ANNUNCIAZIONE: PRIMO MISTERO DELLA GIOIA
ANNUNCIAZIONE: PRIMO MISTERO DELLA GIOIA
APPARIZIONE DI GESU' RISORTO
GESU' MUORE IN CROCE - DELLA ROBBIA a LA VERNA
GESU' FLAGELLATO

Cerca nel Sito