Menu principale

Login

Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Contatore visite

IL SAPERE IN PILLOLE : VENERDI', 10 GIUGNO 2022
Inviato da Alba il 10/6/2022 12:10:00 (7 letture) News dello stesso autore


VENERDI', 10 GIUGNO 2022


La Parola di Cristo è una lode, ben meritata, alla donna. Per il cristiano, discepolo di Cristo, la donna è co-creatrice, in quanto elevata da Cristo alla dignità di madre di Dio, poiché ha dato un corpo a Dio. La donna, mirabile compagna e completamento dell'uomo, porta a perfezione le qualità di tenerezza, pazienza, ascolto, ospitalità, abnegazione, coraggio e generosità di cui l'umanità ha tanto bisogno. La donna, per prima, è salita in cielo con il suo corpo. Non è certo da considerare un oggetto di piacere da allontanare quando ci si è stancati. La donna, compagna, sposa, madre, deve essere amata e desiderata nella sua totalità. Questo amore e questo desiderio portano allora l'espressione della tenerezza di Dio. Per questo una donna non può essere ripudiata. Il Maestro, oggi, ritorna ancora ai precetti della Legge, per interiorizzarli. Gesù scruta i cuori e ci invita ad andare nel profondo di noi stessi per scoprire la radice dei nostri desideri. Sa benissimo che i gesti, le azioni che si compiono derivano dai nostri pensieri e dai nostri sentimenti. E' necessario, quindi, prevenire l'azione poco pulita, che non tiene conto della vita dell'altro. Bisogna respingere lo sguardo bramoso, che può spingerci a prendere possesso in modo egoistico e a volte violento di qualcosa o qualcuno che non ci appartiene. Ciò non significa negare i desideri, vuol dire invece, come è scritto nell'Amoris laetitia, ultimo documento di Papa Francesco a conclusione del Sinodo sulla famiglia, cercare e volere la gioia dell'amore. In un momento di silenzio adorante chiederemo al Signore la purezza di cuore che ci permetta di scorgere il suo Volto. Il prolungarsi della vita fa sì che si verifichi qualcosa che non era comune in altri tempi: la relazione intima e la reciproca appartenenza devono conservarsi per quattro, cinque o sei decenni e questo comporta la necessità di ritornare a scegliersi a più riprese. Non possiamo certamente prometterci di avere gli stessi sentimenti per tutta la vita. Ma possiamo certamente avere un progetto comune stabile, impegnarci ad amarci e a vivere uniti finché la morte non ci separi, e vivere sempre una ricca intimità. Abbiamo bisogno della risurrezione e della trasfigurazione per comprendere davvero quello che è il corpo umano.




Altre news
28/6/2022 8:20:00 - MARTEDI', 28 GIUGNO 2022
25/6/2022 10:10:00 - LUNEDI', 27 GIUGNO 2022
25/6/2022 8:50:00 - FINE GIUGNO E INIZIO LUGLIO 2022
24/6/2022 8:10:00 - VENERDI', 24 GIUGNO 2022
23/6/2022 11:10:00 - GIOVEDI', 23 GIUGNO 2022

Dalle Rubriche

Power point

Dalla Galleria foto

PRESENTAZIONE AL TEMPIO: QUARTO MISTERO DELLA GIOIA
PRESENTAZIONE AL TEMPIO: QUARTO MISTERO DELLA GIOIA
RITROVAMENTO DI GESU': QUINTO MISTERO DELLA GIOIA
RITROVAMENTO DI GESU': QUINTO MISTERO DELLA GIOIA
PARTICOLARE DELL'ALTARE

Cerca nel Sito