Menu principale

Login

Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Contatore visite

IL SAPERE IN PILLOLE : 26^ - IL RAPPORTO COL SIGNORE NON FUNZIONA COME UNA BANCA
Inviato da Alba il 1/8/2009 11:00:00 (856 letture) News dello stesso autore


                                           Ventiseiesima Pillola 

IL RAPPORTO CON IL SIGNORE NON FUNZIONA COME UNA BANCA 

In Banca io effettuo dei versamenti e faccio dei prelievi. C’è un Dare e un Avere. Pago le operazioni e riscuoto gli interessi.Se tutto funzionasse così, potrei compiere delle buone azioni (deposito) e posso commettere dei peccati (prelievo). Mantenendo un equilibrio tra queste due operazioni… tutto andrebbe bene…   Ma non è così!Se vivo in peccato, perciò non sono in Grazia di Dio, le azioni buone che compio non vengono depositate, ma per così dire “congelate”. Se muoio senza essermi messo in Grazia di Dio, queste opere non acquistano alcun valore, perché sono opere di un morto, sono opere di satana. Dicevano i nostri vecchi: «La farina del diavolo va in crusca!»





Se mi metto in Grazia di Dio con una sincera Confessione dei peccati e il fermo proposito di non peccare più, le mie buone azioni acquistano immediatamente valore e costituiscono una caparra per l’ingresso in Paradiso. Questo discorso, anche se corrisponde al vero, è un po’ troppo tecnico, però, perché il Signore da noi cerca soprattutto l’amore.  L’amore perfetto non consiste nell’evitare il peccato per timore del castigo, ma nell’evitarlo per Amore del Signore. Si tratta di un rapporto con una Persona che ci ama e attende di essere riamata. Per amore Gesù è salito in Croce e ha meritato per noi il perdono del Padre. Sta a noi corrispondere a questo immenso amore, facendo per amore ciò che ci costerebbe fare per obbligo.

Ricordiamo un tratto dell’ “Atto di Dolore”: «Mio Dio, mi pento e mi dolgo con tutto il cuore dei miei peccati, perché ho meritato i tuoi castighi e molto di più perché ho offeso te, infinitamente buono e degno di essere amato sopra ogni cosa…»

Sempre nell’Atto di Dolore diciamo anche: «Propongo di non offenderti mai più e di fuggire le occasioni prossime di peccato…
». Questo atteggiamento ci aiuta a non ricadere nel peccato.

La preghiera “Ave Maria” ci dice che la Madonna è “piena di Grazia”, cioè che è in piena sintonia con Dio Padre, Figlio e Spirito Santo.Solo la Confessione ben fatta ci può riportare alla vita della Grazia di Dio.




Altre news
24/6/2019 18:20:00 - QUARTA SETTIMANA DI GIUGNO 2019
17/6/2019 18:10:00 - TERZA SETTIMANA DI GIUGNO 2019
17/6/2019 18:00:00 - SECONDA SETTIMANA DI GIUGNO 2019
3/6/2019 15:10:00 - PRIMA S ETTIMANA DI GIUGNOM 2019
27/5/2019 14:40:00 - QUARTA SETTIMANA DI MAGGIO 2019

Dalle Rubriche

Power point

Dalla Galleria foto

ANNUNCIAZIONE: PRIMO MISTERO DELLA GIOIA
VISITAZIONE: SECONDO MISTERO DELLA GIOIA
RITROVAMENTO DI GESU': QUINTO MISTERO DELLA GIOIA
PRTICOLARE DELL'ALTARE
DIN DON DAN AUGURI DI BUONA PASQUA!

Cerca nel Sito