Menu principale

Login

Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Contatore visite

« 1 ... 130 131 132 (133) 134 135 136 ... 151 »
IL SAPERE IN PILLOLE : MARTEDI', 10 MARZO 2020
Inviato da Alba il 10/3/2020 4:10:00 (195 letture)


MARTEDI', 10 MARZO 2020


 Fin dall'inizio della Quaresima Gesù ci incita a pregare e a digiunare non per essere ammirati dagli uomini, ma per il Padre. Non abbiamo paura di chiedere la morte di questo io, perché il nostro cuore possa finalmente risuscitare con Gesù. Maria, la Madre di Gesù, che è immacolata, è l'umile serva del Signore. Chi si innalzerà sarà abbassato e chi si umilierà sarà innalzato. Chiediamo allo Spirito Santo di farci amare le umiliazioni. I nostri difetti possono contribuire ad umiliarci. Si ama poco di essere umiliati. E' una delle pratiche più difficili. Chiediamo a Dio di darci quelle di cui abbiamo bisogno e sforziamoci di vivere nella gioia! L'umiliazione è una grazia che ci abbassa, ma se noi l'accettiamo, essa ci immerge nella misericordia del cuore di Gesù, che ci innalza con Lui fino al Padre.

IL SAPERE IN PILLOLE : LUNEDI', 9 MARZO 2020
Inviato da Alba il 7/3/2020 5:00:00 (211 letture)


LUNEDI', 9 MARZO 2020


 Gesù ci invita ad essere misericordiosi come è misericordioso il Padre celeste. Noi che abbiamo esperienza della nostra miseria, possiamo capire cosa sia la misericordia. Gesù ci dice che c'è una proporzione tra  la misericordia che esercitiamo verso il nostro prossimo e la misericordia che riceveremo da Dio. Diamo senza misura e riceveremo senza misura. Gesù ci indica quattro modi pratici di esercitare la misericordia: non giudicare, non condannare, assolvere, scusare. Cerchiamo di perdonare sempre e riceveremo il perdono del Padre. E così verrà il Regno di Dio "come in cielo, così in terra".


IL SAPERE IN PILLOLE : VENERDI', 6 MARZO 2020
Inviato da Alba il 6/3/2020 6:20:00 (183 letture)


VENERDI', 6 MARZO 2020


Gesù vuole farci salire con Lui a Gerusalemme. Vuole che siamo perfetti come il nostro Padre. La perfezione che Gesù ci mostra non si pone sul piano della giustizia. Non si tratta di voler esercitare alla perfezione tutte le virtù morali e di non commettere nessun errore nei confronti della legge di Dio, perché ne siamo incapaci. Si tratta di imitare il Padre in ciò che gli è proprio: il suo amore misericordioso e senza limiti. Gesù ci chiede di avere una delicatezza estrema nei nostri rapporti con i fratelli. Ci dice di lasciare un'offerta davanti all'altare se ci ricordiamo di avere qualche cosa contro un nostro fratello, di andare a riconciliarci prima con lui, poi tornare a fare la nostra offerta. Dio attende che noi perdoniamo senza serbare alcun risentimento nei confronti dei fratelli. Questa è la legge della misericordia: la otteniamo dal Padre nella misura in cui la professiamo con i nostri fratelli. Ma è l'amore infinito che abita nei nostri cuori che ce ne rende capaci.


IL SAPERE IN PILLOLE : GIOVEDI', 5 MARZO 2020
Inviato da Alba il 5/3/2020 9:40:00 (182 letture)


GIOVEDI', 5 MARZO 2020


 In quei giorni Gesù disse ai suoi discepoli: "Chiedete e vi sarà dato, cercate e troverete, bussate e vi sarà aperto. Perché chiunque chiede riceve e chi cerca trova e a chi bussa sarà aperto. Il Padre vostro che è nei cieli darà cose buone a chi gliele chiede". Le parole di Gesù oggi ci illuminano in merito a quello che il Padre desidera da noi. Se è lecito, anzi doveroso, interrogarsi su quello che gli altri uomini possono volere da noi, ancora più ardito, ma essenziale, è domandarsi la stessa cosa rispetto a Dio e arrivare alla naturale conclusione che quello che Dio desidera da noi è il nostro vero bene. Conoscendo questo arriviamo a capire che il bene più grande che dobbiamo chiedere è lo Spirito Santo. Lo Spirito Santo agisce in noi nel momento in cui lo invochiamo, perché è Spirito di libertà che ci libera dalla schiavitù dell'antica Legge fatta di obbedienza esteriore E' lo Spirito Santo che il Padre diede all'uomo già al momento della creazione. Lo Spirito Santo ci rende veramente uomini, poiché ci rende consapevoli di aver sempre bisogno di invocare il Signore e di aprirci a Lui. Oggi andiamo più a fondo nella nostra preghiera indagando che cosa i nostri cuori veramente desiderano e chiedendo al Padre di purificare i nostri cuori e di farci aspirare ai beni più grandi.

IL SAPERE IN PILLOLE : MERCOLEDI', 4 MARZO 2020
Inviato da Alba il 4/3/2020 4:20:00 (184 letture)


MERCOLEDI', 4 MARZO 2020


 Gesù chiama malvagia la sua generazione, perché non vuole aprirsi alla fede nella sua Parola, nonostante i molti segni di verità già dati a loro. Essi esigono un segno tanto grande da annullare ogni dubbio, dimenticando però che la fede nasce dalla Parola e non dal segno. Il segno può aiutare la fede, ma non può sostituirsi alla Parola. La conversione infatti viene dall'ascolto della Parola di Dio. Ninive ascoltò Giona e fece penitenza, così fu perdonata. La Parola del Signore parla al cuore e indica ciò che non piace al Signore, ma quella generazione è malvagia perché il suo cuore è di pietra. Non riesce a vedere e a pensare il bene. La regina del Sud si mosse dal suo lontano paese per venire ad ascoltare la sapienza di Salomone. Non  ricevette da lui nessun segno o miracolo, ma solo parole di luce e di verità. Ninive e la Regina del Sud saranno gli accusatori presso Dio di questa generazione, perché essi hanno creduto senza alcun segno. Questa generazione, invece, pur avendo visto segni grandi, si è chiusa nel suo orgoglio di peccato e nella sua immorale superbia. La parola di Gesù è piena di Spirito Santo e se chi l'ascolta non crede, significa che ha il cuore imprigionato nel peccato. Gesù è più grande di Giona e di Salomone per la potenza dello Spirito Santo con il quale Gesù sempre opera. La non accoglienza produce il frutto della sua perdizione per sempre. Vergine Maria, Madre del Redentore, Angeli e Santi, fateci ascoltatori della Parola.


« 1 ... 130 131 132 (133) 134 135 136 ... 151 »

Dalle Rubriche

Power point

Dalla Galleria foto

NASCITA DI GESU': TERZO MISTERO DELLA GIOIA
RITROVAMENTO DI GESU': QUINTO MISTERO DELLA GIOIA
APPARIZIONE DI GESU' RISORTO
DAL GRANO AL PANE, DALL'UVA AL VINO
SALITA AL CALVARIO

Cerca nel Sito