Menu principale

Login

Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Contatore visite

« 1 ... 14 15 16 (17) 18 19 20 ... 57 »
IL SAPERE IN PILLOLE : GIOVEDI', 11 GIUGNO 2020
Inviato da Alba il 11/6/2020 6:00:00 (43 letture)


GIOVEDI', 11 GIUGNO 2020


«Strada facendo, predicate, dicendo che il regno dei cieli è vicino. Guarite gli infermi, risuscitate i morti, purificate i lebbrosi, scacciate i demòni.» Gesù parla agli apostoli e li invita ad andare, a camminare per le strade. Gli apostoli si muovono e muovono la realtà che incontrano. Non passano con indifferenza, né inosservati. Il movimento del loro andare si intreccia con le parole nuove che annunciano e soprattutto con il movimento che, nei corpi di chi incontrano, produce guarigione e un passaggio visibile ed evidente dall'infermità alla dinamicità. I lebbrosi sono purificati, i morti resuscitano, i demoni scappano via. La salvezza passa, attraversa la realtà e la trasforma. Trasformazione che diventa conversione e ricostruzione nell'umanità, dell'immagine di Dio a cui è stata creata simile. Signore, perdona se il volto delle nostre comunità, della nostra chiesa ha dimenticato i tuoi tratti e assomiglia più ad un monumento che nessuno più va a visitare. "Qui inizia la nostra marcia di uomini e donne credenti, nasce ciò che Papa Francesco ci invita a essere Chiesa in uscita, Chiesa che non ha paura a contaminarsi ma si inserisce nella marcia faticosa dell'umanità intera". Nella storia di san Barnaba vediamo realizzata questa pagina. Un altro passo degli Atti degli Apostoli racconta che egli, possedendo un campo, lo vendette per darne il ricavato agli Apostoli, mettendo in pratica alla lettera la richiesta di Gesù al giovane ricco: "Vendi quello che hai, dallo ai poveri, poi vieni e seguimi".

 

IL SAPERE IN PILLOLE : MERCOLEDI', 10 GIUGNO 2020
Inviato da Alba il 10/6/2020 7:30:00 (42 letture)


MERCOLEDI', 10 GIUGNO 2020


"In
quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Non crediate che io sia
venuto ad abolire la Legge o i Profeti; non sono venuto ad abolire, ma a
dare pieno compimento. In verità io vi dico: finché non siano passati
il cielo e la terra, non passerà un solo iota o un solo trattino della
Legge, senza che tutto sia avvenuto. Chi dunque trasgredirà uno solo di
questi minimi precetti e insegnerà agli altri a fare altrettanto, sarà
considerato minimo nel regno dei cieli. Chi invece li osserverà e li
insegnerà, sarà considerato grande nel regno dei cieli"»
Il progetto di Dio, irrevocabile e perfetto sin dall'inizio, mira alla
piena realizzazione dell'uomo. Se dopo aver ascoltato una prima volta
l'annuncio del Vangelo perdessimo l'entusiasmo iniziale,
assestandoci su una posizione quieta e statica, saremmo simili a
quell'albero che il Signore fece seccare perché non produceva frutti. Le
raccomandazioni morali ed ascetiche che la tradizione cristiana ci
tramanda non
decadono, anzi acquistano pieno significato e trovano la giusta
collocazione di fronte alla salvezza gratuita che Gesù ci ha donato.
Come una prima volta, ascoltato il messaggio evangelico, abbiamo vissuto
la dinamica dalle opere alla grazia, così ora siamo chiamati a
ravvivare la vita cristiana vivendo una nuova dinamica dalla grazia alle
opere, perché il dono che abbiamo gratuitamente ricevuto conduca a
frutti di amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza... La vita cristiana mi impegna. Da oggi mi propongo fermamente di non
insegnare o proporre nulla che io non abbia prima sperimentato, fatto
mio e abbracciato con tutto me stesso.
Fino a quando continuerò a dire: domani, domani? Perché non ora? Perché
non sarà quest'ora stessa a segnare la fine della mia triste e inutile
vita lontano da Dio?


 



 






 



IL SAPERE IN PILLOLE : MARTEDI', 9 GIUGNO 2020
Inviato da Alba il 9/6/2020 7:00:00 (37 letture)


MARTEDI', 9 GIUGNO 2020



"In
quel tempo, disse Gesù ai suoi apostoli: «Strada facendo, predicate,
dicendo che il regno dei cieli è vicino. Guarite gli infermi,
risuscitate i morti, purificate i lebbrosi, scacciate i demòni.
Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date. Non procuratevi oro né
argento né denaro nelle vostre cinture, né sacca da viaggio, né due
tuniche, né sandali, né bastone, perché chi lavora ha diritto al suo
nutrimento. In qualunque città o villaggio entriate, domandate chi là
sia degno e rimanetevi finché non sarete partiti. Entrando nella casa,
rivolgetele il saluto. Se quella casa ne è degna, la vostra pace scenda
su di essa; ma se non ne è degna, la vostra pace ritorni a voi»."
La vita di un cristiano non è mai neutra o insignificante. Può forse non
dare nell'occhio, non sostanziarsi di azioni mirabolanti e di gesti
eccezionali, ma certo si distingue per l'aroma inconfondibile che sparge
attorno a sé. Possono essere poche o modeste le parole, ma ogni gesto
emana bagliori di rinnovamento, di attenzione, di prossimità, di
moderazione, di essenzialità, di semplicità. Tutto parla in un
cristiano, e le azioni traducono un linguaggio che non pone alcuna sorta
di barriera fra popoli, culture, mentalità, appartenenze. La ricchezza
che il Signore deposita in un convertito si spande naturalmente e
raggiunge tutti: chi ha le difese immunitarie basse è il primo a
contagiarsi, ma si contagia di un rimedio che lo trasformerà in una
persona migliore. Auguriamo di ammalarci presto di questo singolare
virus capace di innestare in noi princìpi di vita nuova! Consapevole del dono che mi è fatto nella fede, oggi chiedo nella
preghiera la disponibilità ad annunciare il regno dei cieli ogni volta
che se ne presenti l'occasione, a tempo opportuno e anche non opportuno,
secondo le modalità che il Signore mi vorrà ispirare.
Colui che crede nel Signore e si presenta come pronto al discepolato,
deve prima allontanarsi da ogni peccato, e poi anche da tutte le cose
che distolgono dall'ubbidienza, per molte ragioni dovuta al Signore,
anche se sembrino all'apparenza ragionevoli.























 



IL SAPERE IN PILLOLE : LUNEDI' , 8 GIUGNO 2020
Inviato da Alba il 6/6/2020 7:00:00 (49 letture)


LUNEDI', 8 GIUGNO 2020


 Gesù, che non è venuto ad abolire ma a completare, conservando la fondatezza delle antiche beatitudini e ne aggiunge altre dieci. Esse danno un orientamento al senso della beatitudine. Se l'Antico Testamento riconosce la beatitudine agli adoratori del vero Dio, Gesù ci dice chi sono i veri adoratori del Dio di Abramo: sono i poveri di spirito, i miti, gli affamati di giustizia, i misericordiosi, i cuori puri. E l'Antico Testamento chiama "beati" coloro che si rifugiano in Dio, che si affidano a lui, Gesù ci dice chi sono, per eccellenza, quelli che sono attesi da Dio, per essere consolati e protetti. Sono gli afflitti, gli assetati di giustizia e di legge, i perseguitati, i martiri! Noi siamo dei veri adoratori? Siamo i veri figli di Dio?

IL SAPERE IN PILLOLE : VENERDI', 5 GIUGNO 2020
Inviato da Alba il 5/6/2020 6:40:00 (45 letture)


VENERDI', 5 GIUGNO 2020


 La folla ascolta volentieri Gesù perché parla della Parola di Dio. Non si addentra nelle questioni teologiche raffinate e incomprensibili. Lo ascolta volentieri perché la conosce e la interpreta con intelligenza. Non pone la Parola a servizio delle sue opinioni ma la accoglie con onestà e si fa mettere in discussione. Lo ascolta volentieri perché si interroga, ragiona, interloquisce. Non parla per assoluti, non sa tutto lui, non si appella all'autorità per far accettare le sue opinioni. Un monaco, San Bonifacio, viene mandato e si affretta ad annunciare la Buona Novella; un contemplativo viene trasformato in uomo d'azione, incaricato di fondare la Chiesa. Ciò che Gregorio Magno aveva fatto mandando Agostino in Inghilterra, Gregorio il lo ripete mandando Bonifacio in Germania. Il cristiano deve imparare a unire azione e contemplazione. Le invasioni barbariche hanno disgregato totalmente l'impero romano; l'eresia ariana ha fatto vacillare la fede. Diventa urgente ridare nuova vita alle Chiese, metterle in comunione fra loro e con Roma. Sarà l'opera di Bonifacio come missionario del Vangelo. In ogni epoca la Chiesa può vivere soltanto accogliendo lo Spirito che le comunica il suo slancio missionario.

« 1 ... 14 15 16 (17) 18 19 20 ... 57 »

Dalle Rubriche

Power point

Dalla Galleria foto

ANNUNCIAZIONE: PRIMO MISTERO DELLA GIOIA
RITROVAMENTO DI GESU': QUINTO MISTERO DELLA GIOIA
RITROVAMENTO DI GESU': QUINTO MISTERO DELLA GIOIA
CATINO PER LA LAVANDA DEI PIEDI IL GIOVEDI' SANTO
ULTIMA CENA DI LEONARDO DA VINCI

Cerca nel Sito