Menu principale

Login

Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Contatore visite

« 1 ... 166 167 168 (169) 170 »
IL SAPERE IN PILLOLE : 13 NOVEMBRE 2019, MERCOLEDI'
Inviato da Alba il 13/11/2019 9:50:00 (721 letture)


13 NOVEMBRE 2019, MERCOLEDI'


 In questo Vangelo Gesù sottolinea l'importanza del ringraziamento e della riconoscenza. Egli ha guarito dieci lebbrosi, ma soltanto uno straniero ritorna a ringraziarlo. Gli altri erano abituati ai benefici di Dio e credevano di averne diritto, perciò non hanno ritenuto doveroso ringraziare. Noi che riceviamo moltissimo da Dio a volte siamo meno riconoscenti di quelli che hanno vissuto lontani da Lui. Gli altri, quando lo conoscono sono pieni di meraviglia per la sua bontà. Se lasciamo che nel nostro cuore si insinui l'abitudine a non rendere grazie, ci allontaniamo dal Signore. Soltanto a questo straniero che è venuto a ringraziare Egli ha potuto dire: «La tua fede ti ha salvato.» Gli altri anno ricevuto la guarigione, sono partiti felici di essere guariti, ma non sono in relazione con  Dio, non hanno la fede che salva. Per far crescere l'amore in noi occorre il rapporto con colui che ci ama. Gesù non vuole soltanto farci dei benefici, ma vuole donarci se stesso.


IL SAPERE IN PILLOLE : 13 NOVEMBRE 2019, MERCOLEDI'
Inviato da Alba il 13/11/2019 9:50:00 (567 letture)


13 NOVEMBRE 2019, MERCOLEDI'


 In questo Vangelo Gesù sottolinea l'importanza del ringraziamento e della riconoscenza. Egli ha guarito dieci lebbrosi, ma soltanto uno straniero ritorna a ringraziarlo. Gli altri erano abituati ai benefici di Dio e credevano di averne diritto, perciò non hanno ritenuto doveroso ringraziare. Noi che riceviamo moltissimo da Dio a volte siamo meno riconoscenti di quelli che hanno vissuto lontani da Lui. Gli altri, quando lo conoscono sono pieni di meraviglia per la sua bontà. Se lasciamo che nel nostro cuore si insinui l'abitudine a non rendere grazie, ci allontaniamo dal Signore. Soltanto a questo straniero che è venuto a ringraziare Egli ha potuto dire: «La tua fede ti ha salvato». Gli altri hanno ricevuto la guarigione, sono partiti felici di essere guariti, ma non sono in relazione con  Dio, non hanno la fede che salva. Per far crescere l'amore in noi occorre il rapporto con colui che ci ama. Gesù non vuole soltanto farci dei benefici, ma vuole donarci se stesso.


IL SAPERE IN PILLOLE : 12 NOVEMBRE 2019, MARTEDI'
Inviato da Alba il 12/11/2019 9:50:00 (643 letture)


MARTEDI', 12 NOVEMBRE 2019


 Anche voi quando avrete fatto tutto quello che vi è stato ordinato, dite: «Siamo servi inutili. Abbiamo fatto quanto dovevamo fare.» Il nostro impegnarci per il Regno non è un regalo che facciamo a Dio, ma un mettere a frutto quello che Lui ci ha donato. Per tutta la vita noi gli siamo debitori e nulla abbiamo di che vantarci o da pretendere. Gesù non vuole umiliarci chiamandoci servi inutili, ma vuole destare in noi una consapevolezza che è strada alla vera gioia: è appunto la consapevolezza del ricevere tutto da Dio, dono su dono, ad ogni momento. Tutto va gioiosamente impegnato a servizio del Regno di Dio, della crescita della civiltà dell'amore in noi e attorno a noi. Siamo consapevoli che tutto abbiamo ricevuto da Dio, perciò non dobbiamo rivendicare diritti e ricompense. Se rivendicassimo diritti e ricompense non saremmo mai contenti.

IL SAPERE IN PILLOLE : 11 NOVEMBRE 2019,LUNEDI'
Inviato da Alba il 12/11/2019 9:30:00 (342 letture)


LUNEDI, 11 NOVEMBRE 2019


Se non vigiliamo su noi stessi e non ci preoccupiamo di rinforzare la fede, corriamo il rischio di scandalizzare chi si sta avvicinando alla fede. E Dio solo sa quanto scandalo si dà ogni giorno. Lo scandalo peggiore che possiamo dare è l'assenza del perdono e della misericordia, avere una fede impietosa. La compassione rende credibile il nostro percorso di fede. Guai a scordarci di questa grande verità. Perdonare non è facile a partire dal perdonare noi stessi. Ecco perché abbiamo bisogno di fede che non è uno sforzo sovrumano, ma è accoglienza del'opera di Dio in noi.



IL SAPERE IN PILLOLE : 8 NOVEMBRE 2019
Inviato da Alba il 8/11/2019 9:20:00 (820 letture)


VENERDI' 8 NOVEMBRE 2019



 Gesù non loda l'amministratore per la sua disonestà, ma per la sua scaltrezza per aver saputo trovare, in una situazione difficile una soluzione che gli permettesse di continuare la sua vita comoda. I figli della luce non sono altrettanto inventivi nel lavorare al servizio di Dio; le difficoltà ci sembrano insormontabili, ci lamentiamo e ci blocchiamo. I santi vengono invece spronati dalle difficoltà e trovano soluzioni, perché il loro interesse è il regno di Dio e il loro amore è disinteressato, generoso e inventivo. Chiediamo al Signore di essere aperti alla lezione di amore che Egli ci dà oggi. Soltanto così avremo la vita e saremo davvero "figli della luce". Vivremo nella luce, perché vivremo nell'amore.


« 1 ... 166 167 168 (169) 170 »

Dalle Rubriche

Power point

Dalla Galleria foto

ANNUNCIAZIONE: PRIMO MISTERO DELLA GIOIA
PRESENTAZIONE AL TEMPIO: QUARTO MISTERO DELLA GIOIA
RITROVAMENTO DI GESU': QUINTO MISTERO DELLA GIOIA
CATINO PER LA LAVANDA DEI PIEDI IL GIOVEDI' SANTO
PIETA' - Bologna

Cerca nel Sito