MARTEDI', 17 AGOSTO 2021

Data 17/8/2021 4:30:00 | Categoria: IL SAPERE IN PILLOLE


MARTEDI', 17 AGOSTO 2021


Gesù disse ai suoi discepoli che difficilmente un ricco potrà entrare nel regno dei cieli. E' più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, che un ricco entri nel regno di Dio. I discepoli rimasero molto stupiti e si chiedevano chi potesse essere salvato. Gesù disse loro che questo era impossibile agli uomini, ma a Dio tutto era possibile. Allora Pietro gli chiese cosa ne sarebbe stato di loro, che avevano lasciato tutto per seguire Lui. E Gesù disse loro che quando il Figlio dell'uomo sarebbe stato seduto sul trono della sua gloria, alla rigenerazione del mondo, essi si sarebbero seduti su dodici troni a giudicare le dodici tribù d'Israele. Chiunque avrà lasciato case, o fratelli, o sorelle, o padre, o madre, o figli, o campi per il suo nome, riceverà cento volte tanto e avrà in eredità la vita eterna. Molti dei primi saranno ultimi e molti degli ultimi saranno primi. Solo la grazia può attirarci a Dio e lasciare che prenda sempre più il primo posto nella nostra vita. Siccome è un dono di grazia, non possiamo attribuire a noi stessi alcun merito nella sequela. È un cammino lasciarsi unire a Dio e spogliarsi di tutto. In paradiso vedremo un vero sovvertimento di valutazioni. Si può essere persone buone sì, ma l'io può continuare in qualcosa a prevalere su Dio. Magari ciò avviene inconsapevolmente, ma una conversione sincera ci conduce verso un rinnovamento. Da tutto ciò emerge che la povertà è percepire che senza Dio non possiamo nulla, affidarci da piccoli al suo amore meraviglioso di Padre, senza giudicare nessuno. Sperimentare l'impossibilità è talora una grazia: impossibile all'uomo ma  possibile a Dio.




La fonte di questa news :::::: FIDES, SPES ET AMOR ::::::
http://www.fidespesetamor.com

L'indirizzo di questa news :
http://www.fidespesetamor.com/modules/news/article.php?storyid=2745