PRIMA SETTIMANA DI SETTEMBRE 2021

Data 4/9/2021 7:40:00 | Categoria: PAROLA DELLA SETTIMANA


 



          PRIMA SETTMANA DI SETTEMBRE 2021

Gesù, uscito dalla regione di Tiro, passando per Sidòne, venne verso il mare di Galilea nel territorio della Decàpoli. Gli portarono un sordomuto e lo pregarono di imporgli la mano. Lo prese in disparte, lontano dalla folla, gli pose le dita negli orecchi e con la saliva gli toccò la lingua; guardando quindi verso il cielo, emise un sospiro e gli disse: «Apriti!». E subito gli si aprirono gli orecchi, si sciolse il nodo della sua lingua e parlava correttamente. E comandò loro di non dirlo a nessuno. Ma più egli lo proibiva, più essi lo proclamavano e, pieni di stupore, dicevano che aveva fatto bene ogni cosa: fa udire i sordi e fa parlare i muti. Per avvicinarsi a Gesù si devono fare alcuni passi, di cui il primo è di aprirsi alla solidarietà degli altri nella nostra condizione di povertà. Altri ci introducono a Gesù, ci fanno conoscere e amare Gesù all'interno di una comunità. Siamo grati che le persone solidali ci hanno aiutato a centrare la nostra vita su Gesù. Il secondo passo è di aprirsi all'azione di Gesù che ci chiama all'incontro personale con lui. Sentiamo di essere amati da Dio proprio come siamo in questa fase della nostra vita! Ma per sentire che Gesù è davvero al nostro fianco, accettiamo l'invito a stare con Lui nell'intimità della nostra preghiera, fuori dal caos del viavai delle faccende e delle relazioni quotidiane. Possiamo scegliere di vivere facendo l'opzione preferenziale per i poveri perché abbiamo già sperimentato di essere veramente amati da Dio così come siamo nell'intimità della nostra preghiera. Il terzo passo consiste nell'aprirsi all'azione di Gesù che ci dona lo Spirito Santo. La potenza divina dello Spirito Santo che agisce guidando le parole di Gesù e compiendo i suoi segni della liberazione, e che avrebbe risuscitato il corpo crocifisso di Gesù, posto sulla pietra del sepolcro, andò a toccare il corpo di quell'uomo nelle orecchie e nella lingua, là dove era necessario operare la guarigione. Il quarto passo consiste nell'aprirsi all'azione del Padre che ci restituisce alla comunione e ci manda in missione. Come quell'uomo, anche noi vogliamo uscire, vogliamo aprirci e parlare apertamente con gioia, annunciando che la pienezza della nostra vita sta nella comunione e nel rispetto reciproco, a partire dai più poveri.


 





La fonte di questa news :::::: FIDES, SPES ET AMOR ::::::
http://www.fidespesetamor.com

L'indirizzo di questa news :
http://www.fidespesetamor.com/modules/news/article.php?storyid=2761