Menu principale

Login

Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Contatore visite

« 1 ... 134 135 136 (137) 138 139 140 ... 182 »
PAROLA DELLA SETTIMANA : Fine luglio ed inizio agosto 2012
Inviato da Alba il 28/7/2012 15:00:00 (805 letture)


                               PAROLA DELLA SETTIMANA



Di nuovo Gesù, con i suoi discepoli, passa all'altra riva del Lago e una gran folla lo segue. Egli sale su un alto monte e ancora la gente lo segue. Queste persone hanno fame della Sua Parola di verità e nemmeno si preoccupano di ciò che mangeranno. Sono tantissimi: cinquemila uomini, senza contare le donne e i bambini.

Gesù, sapendo bene quello che sta per fare, pone il problema ai suoi discepoli. Evidentemente non hanno denari per sfamare tanta gente.  Andrea, fratello di Simon Pietro, avvisa che un ragazzo ha con sé cinque pani e due pesci. Di fatto, niente...

Però questo niente, messo a disposizione di Gesù, è ciò di cui Egli si serve per sfamare tutti e far avanzare anche dodici canestri di cibo. Ecco: Gesù desidera che Gli mettiamo generosamente a disposizione il nostro niente per compiere grandi cose.

Gesù vuole avere bisogno di noi! Non rifiutiamogli mai il nostro nulla...



     Fine luglio ed inizio agosto 2012 


PAROLA DELLA SETTIMANA : Quarta settimana di Luglio 2012
Inviato da Alba il 21/7/2012 15:00:00 (914 letture)


                         PAROLA  DELLA  SETTIMANA   

Gesù invia i suoi amici a diffondere la verità che Egli ha loro rivelato e, quando essi tornano soddisfatti ed affaticati, Egli ascolta il racconto della loro missione, poi li invita a salire in barca per raggiungere un porto tranquillo dove potersi riposare.

Ma la folla ha intuito la loro meta e li anticipa a piedi. Gesù ha compassione di quelle persone che sono come pecore senza pastore e le raduna perché non si disperdano. Egli insegna loro una dottrina nuova.

Anche noi siamo inviati a chi non conosce ancora la verità rivelata da Gesù per insegnare e confortare, per accogliere e radunare, per testimoniare e annunciare integralmente la verità.

Se siamo onesti, coerenti e giusti, il Signore è

con noi e ci assiste nella nostra missione, in modo che abbia esito positivo.

Ci ricompenserà poi, a missione compiuta, accogliendoci nel luogo del riposo e della pace eterna.



Quarta settimana di Luglio 2012


PAROLA DELLA SETTIMANA : Terza settimana di Luglio 2012
Inviato da Alba il 14/7/2012 15:00:00 (887 letture)


                      PAROLA  DELLA SETTIMANA


Il Profeta è un "chiamato" ed è un "inviato".

È un dono di Dio per chi lo ascolta.

Col Battesimo ogni cristiano diviene anche profeta. Le letture di questa domenica ci danno anche delle indicazioni particolari: il profeta non deve confidare nelle proprie capacità o nelle proprie idee o nelle proprie ricchezze, ma deve affidarsi completamente a Dio che lo ispira e lo sostiene. Contro chi rifiuta di accogliere un profeta il Signore dice che questi scuota la polvere sotto i piedi in testimonianza contro di lui.

L'iniziativa è di Dio, il messaggio è di Dio e il profeta deve stare attento a non metterci niente di suo. Non si è profeti al di fuori della Chiesa.

"Il sigillo dello Spirito Santo che era stato promesso" e che abbiamo ricevuto nel Battesimo prima e poi nella Cresima "è caparra
della nostra eredità in attesa della completa redenzione di coloro che
Dio si è acquistato a lode della sua gloria". 


Ciascuno di noi dunque è profeta per i fratelli, ma deve anche  essere ascoltatore attento dei profeti per quanto riguarda la propria vita.

Il Padre del Signore nostro Gesù Cristo illumini gli occhi del nostro cuore, per farci comprendere a quale speranza ci ha chiamati.

          Terza settimana di Luglio 2012


PAROLA DELLA SETTIMANA : Seconda Settimana di Luglio 2012
Inviato da Alba il 9/7/2012 10:41:24 (899 letture)


                         PAROLA DELLA SETTIMANA



Gesù esperimenta in prima persona che il profeta è disprezzato soprattutto in casa sua, tra i suoi parenti e i suoi conoscenti.

Quando Egli, dopo trent'anni di vita comune, in cui lavora con Giuseppe, il falegname, si sposta nei vari paesi della Galilea e della Giudea ad insegnare, a guarire e a risuscitare, è proprio nella sua città, a Nazaret, che non gli credono e restano addirittura scandalizzati del suo operare. Egli guarisce alcune persone anche là, ma i cuori non si aprono, gli occhi non vedono, le orecchie non sentono. A chi crede Gesù perdona e guarisce sia  fisicamente che spiritualmente, ma dove non c'è fede Egli non può nulla.

Non meravigliamoci, dunque, se non veniamo ascoltati quando annunciamo la Parola del Signore: questo avviene a tutti i profeti, ma questo non ci esime dal compito di proporre la verità del Vangelo.



Leggiamo nella prima Lettura dal Libro del Profeta Ezechiele: «Ascoltino o non ascoltino - dal momento che sono una genía di ribelli - sapranno almeno che un profeta si trova in mezzo a loro». 

Questo ci aiuti a capire che il Signore desidera sempre essere in mezzo a noi, in attesa che, finalmente apriamo occhi, orecchie e cuore.



    SECONDA SETTIMANA DI LUGLIO 2012


PAROLA DELLA SETTIMANA : PRIMA SETTIMANA DI LUGLIO 2012
Inviato da Alba il 2/7/2012 9:50:00 (873 letture)


                                    PAROLA DELLA SETTIMANA


Dio ha creato l'uomo per la vita senza fine. Non ha voluto la morte, ma questa è nata per il cattivo uso del dono della libertà, di cui Egli ha fornito gli esseri intelligenti: angeli e uomini.

Gli angeli ribelli, per odio verso Dio, tentano di portare l'uomo al peccato, cioè alla morte spirituale e purtroppo tanti uomini si lasciano tentare, perché non si fidano abbastanza di Dio e scelgono di seguire le passioni e gli istinti, vivendo apparentemente, ma di fatto essendo morti spirituali.

Con l'aiuto di Dio, ciascuno di noi, se vuole, può evitare il peccato a riuscire a non accontentare i propri piaceri, perché non sono inevitabili.

Per guarire e risorgere, rivolgiamoci a Gesù, come la donna da tempo ammalata, che si fida di Gesù, fino a credere che, solo toccando il suo mantello, potrà guarire. Ella infatti guarisce. Notiamo però una cosa: quando Gesù chiede chi lo abbia toccato ed ella timidamente si rivela, Gesù le dice: «Figlia, la tua fede ti ha salvata. Va' in pace e sii guarita dal tuo male». Qui Gesù non parla della della guarigione del corpo, peraltro già avvenuta, ma della guarigione dal peccato, che ha un'importanza ancora maggiore.

Presentiamo a Gesù il nostro cuore con fiducia e sincerità ed Egli ci guarirà dentro e ci farà risorgere dalla morte, come ha fatto con la figlia di Giàiro.



        PRIMA SETTIMANA DI LUGLIO 2012 


« 1 ... 134 135 136 (137) 138 139 140 ... 182 »

Dalle Rubriche

Power point

Dalla Galleria foto

VISITAZIONE: SECONDO MISTERO DELLA GIOIA
NASCITA DI GESU': TERZO MISTERO DELLA GIOIA
NASCITA DI GESU': TERZO MISTERO DELLA GIOIA
CORONA DEL ROSARIO
ULTIMA CENA DI LEONARDO DA VINCI

Cerca nel Sito