Menu principale

Login

Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Contatore visite

(1) 2 3 4 ... 141 »
IL SAPERE IN PILLOLE : MARTEDI', 25 FEBBRAIO 2020
Inviato da Alba il 25/2/2020 6:00:00 (0 letture)


MARTEDI', 25 FEBBRAIO 2020


I discepoli debbono ancora camminare molto per essere chiamati veri discepoli. Gesù parla di cose decisive che riguardano la storia della salvezza ed essi invece discutono su chi è più grande fra loro. Amano essere apprezzati, lodati e glorificati. Gesù invece parla di risurrezione e di vita eterna. Gesù ha pazienza e insegna loro come a dei bambini partendo da immagini ed esempi a loro familiari. Egli prende in braccio un bambino e dice che chi non accoglierà il Regno di Dio come un bambino non è degno del Regno dei cieli. I discepoli capiscono che la vera grandezza è divenire piccoli come bambini e nel dimenticare se stessi per gli altri fino a morire per gli altri. Gesù lo ha fatto per noi e con lui anche molti santi. Questo fa la santità della Chiesa.

IL SAPERE IN PILLOLE : LUNEDI', 24 FEBBRAIO 2020
Inviato da Alba il 22/2/2020 7:10:00 (3 letture)


LUNEDI', 24 FEBBRAIO 2020


Oggi vediamo il grande numero di guerre, torture, violenze, furti, odio, traffico di droga, corsa al denaro , imbrogli di ogni genere.  I discepoli di Gesù non sanno esorcizzarli. Gesù dice che questa specie di demoni non si possono vincere se non con la preghiera. Possiamo chiederci se siamo uomini e donne di preghiera. Il Signore per aiutarci ha istituito dei sacramenti, ma occorre che noi li riceviamo con autentica adesione interiore, per facilitare la preghiera. Se preghiamo con le parole, ma non abbiamo l'amore e la saggezza che sono dono dello Spirito Santo, la nostra preghiera è vana. Uniamoci ai santi e a tutti gli esseri di preghiera per scacciare il demonio dal nostro mondo.

PAROLA DELLA SETTIMANA : QUARTA SETTIMANA DI FEBBRAIO 2020
Inviato da Alba il 22/2/2020 6:00:00 (3 letture)


PAROLA DELLA SETTIMANA


QUARTA SETTIMANA DI FEBBRAIO 2020


Fu detto: "occhio per occhio e dente per dente", ma io vi dico di non opporvi al malvagio, anzi se uno ti dà uno schiaffo sulla guancia destra, tu porgigli anche l'altra; se uno ti vuole togliere la tunica, tu lascia anche il mantello. Fu detto che dovrai amare il tuo prossimo e odiare il tuo nemico, ma io vi dico: "amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano"; solo così siete figli del Padre vostro che è nei cieli. Egli fa sorgere il sole sui buoni e sui cattivi, fa piovere sui giusti e sugli ingiusti. Se amate quelli che vi amano, e se salutate solo i vostri fratelli quale ricompensa ne avrete? Fanno così anche i pubblicani e i pagani. Ma voi siate perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste.

IL SAPERE IN PILLOLE : VENERDI', 21 FEBBRAIO 2020
Inviato da Alba il 21/2/2020 6:40:00 (2 letture)


VENERDI', 21 FEBBRAIO 2020


 La parola del Signore ci svela la preziosità infinita della nostra persona. L'intero universo non vale quanto vale la nostra persona: non ha prezzo, e non può essere commutata con niente. Ma questa preziosità deve essere conservata, perché potrebbe fallire. La via che il Signore ci indica per evitare una vera e propria tragedia è paradossale: perdere la vita come Egli l'ha perduta. Il Signore ha donato se stesso, si è svuotato del dono di sé e proprio per questo il Padre lo ha introdotto, attraverso la risurrezione, nella gloria di una vita immortale. Chi segue il Signore nella rinuncia a sè per il dono agli altri, entra nella vita.


IL SAPERE IN PILLOLE : GIOVEDI', ,20 FEBBRAIO 2020
Inviato da Alba il 20/2/2020 6:40:00 (2 letture)


GIOVEDI', 20 FEBBRAIO 2020


 "Chi dice la gente che io sia?" Questa è la domanda di Gesù ai suoi discepoli. Marco e i discepoli hanno dato la loro risposta. Gesù è il rivelatore del Padre, Colui che manifesta pienamente il volto di Dio, è il Messia atteso. Ma per giungere a questa professione di fede ci vuole tempo. Pietro, illuminato dallo Spirito, giunge a manifestare la propria convinzione. E che coraggio ha dovuto avere per giungere a tale affermazione! Chi si immaginava un Messia, lo rappresentava come un eroe, un guerriero, un nuovo re Davide. I profeti che ne avevano parlato lo presentavano come un vendicatore, l'eroe che avrebbe riportato Israele agli antichi splendori del passato. Pietro osa  a proclamare Gesù come il Cristo, ma Gesù rivela in che modo egli vuole essere Messia, disposto a morire pur di proclamare con coerenza il volto autentico di Dio. Pietro prende da parte Gesù per spiegargli come deve fare... Ma Gesù conosce bene il suo modo di essere Dio, salvatore degli uomini attraverso la sua morte in croce.


(1) 2 3 4 ... 141 »

Dalle Rubriche

Power point

Dalla Galleria foto

ANNUNCIAZIONE: PRIMO MISTERO DELLA GIOIA
PRESENTAZIONE DI GESU' AL TEMPIO: QUARTO MISTERO DELLA GIOIA
VISITAZIONE: SECONDO MISTERO DELLA GIOIA
1° DOLORE - PREGHIERA DI GESU'
 VISITAZIONE: SECONDO  MISTERO DELLA GIOIA

Cerca nel Sito