Menu principale

Login

Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Contatore visite

« 1 2 (3) 4 5 6 ... 178 »
PAROLA DELLA SETTIMANA : SECONDA SETTIMANA DI SETTEMBRE 2020
Inviato da Alba il 12/9/2020 6:20:00 (14 letture)


PAROLA DELLA SETTIMANA


SECONDA SETTIMANA DI SETTEMBRE 2020


Pietro chiese a Gesù quante volte doveva perdonare chi gli avesse fatto un torto e Gesù rispose che doveva perdonarlo sempre. Poi aggiunse che il Regno dei Cieli è come un Re che vuole regolare i conti con i suoi servi. Gli fu presentato uno che gli doveva diecimila talenti, ma costui non era in grado di restituirglieli, allora il padrone ordinò che fosse venduto lui, la moglie e i figli e tutti i suoi averi e così saldasse il debito. Il servo lo supplicò prostrandosi a terra e gli chiese di avere pazienza con lui e che gli avrebbe restituito ogni cosa. Il padrone ebbe misericordia di quel servo e gli condonò il debito. Appena uscito, quel servo incontrò un suo compagno che gli doveva cento denari. Lo prese per il collo e gli ingiunse di pagargli il debito. Il compagno si prostrò a terra e lo supplicava di avere pazienza con lui che gli avrebbe restituito tutto, ma lui lo fece gettare in prigione finché non gli avesse pagato il debito. I suoi compagni, saputa la cosa lo riferirono al padrone, il quale lo chiamò e gli disse che avrebbe dovuto fare come aveva fatto lui e condonargli il debito. Sdegnato il padrone lo diede in mano agli aguzzini finché non avesse restituito tutto il dovuto.  Così anche il Padre mio Celeste farà con le persone che non perdoneranno di cuore i loro fratelli.


IL SAPERE IN PILLOLE : VENERDI', 11 SETTEMBRE 2020
Inviato da Alba il 11/9/2020 4:50:00 (17 letture)


VENERDI', 11 SETTEMBRE 2020


Il rischio di sentirci capaci c'è eccome. Quello di essere come delle guide cieche che conducono altri. Per cadere entrambi in un fosso. Siamo guide cieche quando pretendiamo di conoscere la strada, senza ammettere con umiltà che Cristo è l'unica via. Siamo guide cieche, come spiega magnificamente il Signore, quando, pieni di noi stessi, crediamo di essere capaci di giudicare gli altri senza prima togliere la trave che portiamo nel nostro occhio. Siamo guide cieche quando ci sostituiamo a Dio, magari proprio nel suo nome, e pensiamo di essere se non proprio dei maestri almeno dei bravi istruttori sulla via della santità. No: uno solo è il Maestro e noi siamo tutti discepoli. Tutti, anche il migliore fra noi, anche chi è più avanti nella conoscenza di Dio, anche chi crede di sapere già molto, anche chi fra noi ha un ruolo per la comunità. Siamo tutti discepoli e dobbiamo vigilare costantemente, fare in modo che nessuna trave ci impedisca di vedere dove mettere il piede. Ristabiliamo le priorità nella nostra vita, seguiamo saldamente le orme del Maestro.  


IL SAPERE IN PILLOLE : GIOVEDI', 10 SETTEMBRE 2020
Inviato da Alba il 10/9/2020 6:40:00 (15 letture)


GIOVEDI', 10 SETTEMBRE 2020


"Amate i vostri nemici, fate del bene a coloro che vi odiano, benedite coloro che vi maledicono, pregate per coloro che vi maltrattano". È posta qui la questione della potenza dell'amore. È l'odio più forte dell'amore? Sì, eccetto che nel mondo dei figli dell'Altissimo, poiché essi hanno in se stessi l'amore di Dio per poterne vivere e per poterne essere testimoni; è un dono che ci è stato fatto, che ci viene da Dio, ed è la presenza stessa dell'amore di Dio nel cuore dell'uomo, amore che dobbiamo lasciare crescere. Amare con il cuore di Dio: ecco quanto possono realizzare coloro che, tramite il Battesimo, sono figli dell'Altissimo. Dio ama ogni uomo, Gesù ha amato anche coloro che lo condussero a morte. Tramite il Battesimo, all'uomo "giustificato" viene dato l'amore stesso di Dio in tutta la sua potenza, la sua forza, la sua bontà. Ciò che Cristo domanda a noi, figli dell'Altissimo, non è al di sopra delle nostre forze: lasciare che il suo amore traspaia nella nostra vita. Allora il nostro mondo sarà il mondo dell'amore.

 

IL SAPERE IN PILLOLE : MERCOLEDI', 9 SETTEMBRE 2020
Inviato da Alba il 9/9/2020 6:10:00 (17 letture)


MERCOLEDI', 9 SETTEMBRE 2020


I guai di Gesù sono guai profetici. Esso è vero oracolo del Signore. Attesta una catastrofe prima storica e poi anche eterna, se non ci si converte e non si rientra nella legge che obbliga ogni creatura esistente sulla terra: ogni uomo deve prendere dalla terra quanto gli serve per vivere nella temperanza e nella sobrietà. Ogni altra cosa è degli altri, deve lasciarla agli altri. Se sua per lavoro o per altri meriti, quanto gli supera deve darla agli altri, perché è per legge divina degli altri. Se lui non rientra nella legge del Signore prima della morte, riparando ad ogni appropriazione indebita, finirà nella perdizione eterna. Nel cielo di Dio per lui non vi sarà posto. Purtroppo ormai l'uomo ha perso la sua dimensione soprannaturale. Non vede più la sua vita in riferimento al Signore. Vive come se Dio non esistesse. Ogni uomo è tenuto, pena la dannazione eterna, ad usare le cose di questo mondo con sobrietà e temperanza, lontano da ogni vizio e ogni bramosia. Di tutto quanto si è appropriato di non necessario, ha l'obbligo della restituzione. Pentimento, conversione, restituzione, temperanza, sobrietà devono essere una cosa sola. Quanti invece sono poveri, miseri, afflitti, derelitti, devono vivere la loro condizione, senza desiderare la roba d'altri. Essi si devono ricordare che il Padre nutre gli uccelli del cielo e veste i gigli del campo. Se vogliono l'aiuto del Signore, mai devono divenire ingiusti, empi, disonesti. Devono rimanere sempre nella più alta giustizia e carità. Vergine Maria, Madre della Redenzione, Angeli e Santi, fateci sobri e temperanti.  

IL SAPERE IN PILLOLE : MARTEDI', 8 SETTEMBRE 2020
Inviato da Alba il 8/9/2020 6:40:00 (10 letture)


MARTEDI', 8 SETTEMBRE 2020


Oggi la Chiesa celebra la festa della nascita di Maria, la Madre di Gesù.  Maria è la prima tra i credenti, la prima discepola. E' una festa che deve aumentare la pace in noi, perché ci parla dell'amore di Dio verso di noi. La nascita di Maria è il segno che Dio ha preparato per noi la salvezza: per questo ha preparato il corpo e l'anima della madre di Gesù, che è anche madre nostra. La Vergine santa è predestinata ad essere conforme all'immagine del Figlio di Dio e figlio suo. E Dio ha predisposto tutte le cose secondo questa intenzione: "Sappiamo che tutto concorre al bene di coloro che amano Dio". Dio ha preparato tutte le generazioni umane in vista della nascita di Maria, in vista della nascita di Gesù, e insieme ha agito con mezzi soprannaturali. E nel Vangelo di oggi si può dire che appaiono sia la parte naturale che quella soprannaturale, l'una e l'altra necessarie per la nascita di Maria. Non bastano dunque le generazioni umane che si succedono nel tempo per il compimento del progetto di Dio: è necessario l'intervento dello Spirito Santo. Tutto ci parla dell'amore di Dio: amore di Dio creatore, amore di Dio salvatore. Oggi dobbiamo, più di sempre, dire a Dio la nostra riconoscenza, la nostra gioia perché egli ha amato Maria e ci ha amati.




 







« 1 2 (3) 4 5 6 ... 178 »

Dalle Rubriche

Power point

Dalla Galleria foto

PRESENTAZIONE AL TEMPIO: QUARTO MISTERO DELLA GIOIA
PRESENTAZIONE AL TEMPIO: QUARTO MISTERO DELLA GIOIA
RITROVAMENTO DI GESU': QUINTO MISTERO DELLA GIOIA
GESU' IN CROCE CON AI PIEDI LA MAMMA E GIOVANNI
SALITA AL CALVARIO

Cerca nel Sito