Menu principale

Login

Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Contatore visite

« 1 ... 3 4 5 (6) 7 8 9 ... 148 »
IL SAPERE IN PILLOLE : GIOVEDI', 5 MARZO 2020
Inviato da Alba il 5/3/2020 9:40:00 (12 letture)


GIOVEDI', 5 MARZO 2020


 In quei giorni Gesù disse ai suoi discepoli: "Chiedete e vi sarà dato, cercate e troverete, bussate e vi sarà aperto. Perché chiunque chiede riceve e chi cerca trova e a chi bussa sarà aperto. Il Padre vostro che è nei cieli darà cose buone a chi gliele chiede". Le parole di Gesù oggi ci illuminano in merito a quello che il Padre desidera da noi. Se è lecito, anzi doveroso, interrogarsi su quello che gli altri uomini possono volere da noi, ancora più ardito, ma essenziale, è domandarsi la stessa cosa rispetto a Dio e arrivare alla naturale conclusione che quello che Dio desidera da noi è il nostro vero bene. Conoscendo questo arriviamo a capire che il bene più grande che dobbiamo chiedere è lo Spirito Santo. Lo Spirito Santo agisce in noi nel momento in cui lo invochiamo, perché è Spirito di libertà che ci libera dalla schiavitù dell'antica Legge fatta di obbedienza esteriore E' lo Spirito Santo che il Padre diede all'uomo già al momento della creazione. Lo Spirito Santo ci rende veramente uomini, poiché ci rende consapevoli di aver sempre bisogno di invocare il Signore e di aprirci a Lui. Oggi andiamo più a fondo nella nostra preghiera indagando che cosa i nostri cuori veramente desiderano e chiedendo al Padre di purificare i nostri cuori e di farci aspirare ai beni più grandi.

IL SAPERE IN PILLOLE : MERCOLEDI', 4 MARZO 2020
Inviato da Alba il 4/3/2020 4:20:00 (15 letture)


MERCOLEDI', 4 MARZO 2020


 Gesù chiama malvagia la sua generazione, perché non vuole aprirsi alla fede nella sua Parola, nonostante i molti segni di verità già dati a loro. Essi esigono un segno tanto grande da annullare ogni dubbio, dimenticando però che la fede nasce dalla Parola e non dal segno. Il segno può aiutare la fede, ma non può sostituirsi alla Parola. La conversione infatti viene dall'ascolto della Parola di Dio. Ninive ascoltò Giona e fece penitenza, così fu perdonata. La Parola del Signore parla al cuore e indica ciò che non piace al Signore, ma quella generazione è malvagia perché il suo cuore è di pietra. Non riesce a vedere e a pensare il bene. La regina del Sud si mosse dal suo lontano paese per venire ad ascoltare la sapienza di Salomone. Non  ricevette da lui nessun segno o miracolo, ma solo parole di luce e di verità. Ninive e la Regina del Sud saranno gli accusatori presso Dio di questa generazione, perché essi hanno creduto senza alcun segno. Questa generazione, invece, pur avendo visto segni grandi, si è chiusa nel suo orgoglio di peccato e nella sua immorale superbia. La parola di Gesù è piena di Spirito Santo e se chi l'ascolta non crede, significa che ha il cuore imprigionato nel peccato. Gesù è più grande di Giona e di Salomone per la potenza dello Spirito Santo con il quale Gesù sempre opera. La non accoglienza produce il frutto della sua perdizione per sempre. Vergine Maria, Madre del Redentore, Angeli e Santi, fateci ascoltatori della Parola.


IL SAPERE IN PILLOLE : MARTEDI', 3 MARZO 2020
Inviato da Alba il 3/3/2020 5:00:00 (14 letture)


MARTEDI', 3 MARZO 2020


La Quaresima è un tempo di preghiera come quella che Gesù ha insegnato ai discepoli. Ciò che di nuovo c'è in questa religione è che ci fa guardare Dio non solo come al Creatore onnipotente, ma come ad un Padre. Dio è nostro Padre e ci suggerisce l'adorazione. Pensare Dio come Padre ci toglie ogni paura, ogni affanno, ogni preoccupazione. Abbiamo fiducia di Lui, perché è un Padre che conosce le nostre necessità. Gesù ci insegna il Padre Nostro e con questo ci insegna anche la fratellanza tra noi che siamo salvati dalla croce di Gesù. Il Padre Nostro è una preghiera filiale, ma anche una preghiera fraterna. Gesù insiste sul perdono. Anche se non siamo buoni come dovremmo essere, dicendo il Padre Nostro con la volontà di perdonare i nostri fratelli senza serbare nessun risentimento nel fondo del cuore, potremo veramente essere figli del Padre.

IL SAPERE IN PILLOLE : LUNEDI', 2 MARZO 2020
Inviato da Alba il 1/3/2020 18:10:00 (11 letture)


LUNEDI', 2 MARZO 2020


Saremo giudicati sull'amore. Tutti i popoli saranno posti davanti a Gesù ed Egli separerà gli uni dagli altri. Dirà: "Ogni volta che avrete fatto queste cose ad uno dei miei fratelli più piccoli, l'avrete fatto a me". Gesù, che ha voluto vivere e morire in una povertà estrema, si identifica con tutti i poveri. Il cristiano che vuole prendere sul serio questo brano del Vangelo, vede con occhi nuovi ogni povero che incontra sul suo cammino. Noi, quando sentiamo parlare di persone in difficoltà dovremo almeno pregare per loro e chiedere la loro conversione. Durante questa Quaresima ricordiamoci che la Chiesa è la nostra prima famiglia e dobbiamo ricordarci non solo dei buoni, ma anche dei peccatori, perché Gesù ha donato la sua vita per tutti, compresi i non battezzati. Ricordiamoci di pregare per tutti e sappiamo essere dei buoni samaritani per il prossimo che Gesù mette sul nostro cammino.

PAROLA DELLA SETTIMANA : PRIMA SETTIMANA DI MARZO 2020
Inviato da Alba il 1/3/2020 17:40:00 (13 letture)


PRIMA SETTIMANA DI MARZO 2020


PRIMA SETTIMANA DI MARZO 2020


 Gesù fu condotto nel deserto per essere tentato dal diavolo. Dopo aver digiunato quaranta giorni alla fine ebbe fame. Il tentatore gli suggerì di trasformare delle pietre in pane. Poi il diavolo lo portò nella città santa e lo pose nel punto più alto del Tempio e gli suggerì di gettarsi giù, perché gli angeli lo avrebbero protetto. Poi lo portò sopra un monte altissimo e gli mostrò tutti i regni del mondo e gli disse che se lo avesse adorato sarebbe diventato padrone di tutte quelle cose. Ma Gesù rispose ogni volta con la Parola di Dio, allora il diavolo lo lasciò e gli angeli si avvicinarono a Lui e lo servivano. Gesù resiste alle tentazioni e rimette radicalmente la sua vita nelle mani di Dio. Il popolo invece rifiuta di essere condotto da Dio. In ognuno dei tre tentativi di seduzione l'uomo rifiuta di essere  guidato da Dio. Questo significa anche rinunciare alla propria potenza e a diventare come Dio. In tre riprese Satana tenta Gesù a servirsi del suo potere e della sua facoltà di fare miracoli e della dominazione del mondo sottomettendosi a Satana e al suo governo di violenza. Gesù resiste, perché Dio è nel cuore della sua esistenza, perché Egli vive grazie alla sua parola, perché Egli ha talmente fiducia in Lui che non vuole attentare alla sua sovranità, né alla sua libertà. Infatti Egli sa di essere impegnato esclusivamente a servirlo.

« 1 ... 3 4 5 (6) 7 8 9 ... 148 »

Dalle Rubriche

Power point

Dalla Galleria foto

ANNUNCIAZIONE: PRIMO MISTERO DELLA GIOIA
PRESENTAZIONE DI GESU' AL TEMPIO: QUARTO MISTERO DELLA GIOIA
CORONA DEL ROSARIO
GESU' RISORGE DAI MORTI
IL BRACERE PER IL FUOCO NUOVO DELLA VEGLIA PASQUALE

Cerca nel Sito