Menu principale

Login

Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Contatore visite

« 1 ... 5 6 7 (8) 9 10 11 ... 207 »
IL SAPERE IN PILLOLE : VENERDI', 29 GENNAIO 2021
Inviato da Alba il 29/1/2021 6:00:00 (16 letture)


VENERDI', 29 GENNAIO 2021


Il Padre celeste ha gettato il suo seme sulla terra. La sua prima terra è stato il seno purissimo della Vergine Maria. In questo seno Lui si è fatto carne. Da questo seme è uscito, è cresciuto e si è trapiantato nel mondo. Alla fine ha trovato la sua eterna collocazione sul Golgota, divenendo l'albero più grande della terra, capace di fare ombra con i suoi rami, i suoi tralci che sono i suoi discepoli, sui cinque continenti. Chi mangia i suoi frutti, che sono il suo stesso sangue e la sua carne, diviene vita eterna già su questa terra. Lo diviene se mangia con fede, in una purissima obbedienza alla sua Parola, che perennemente sgorga e matura dal suo cuore. Senza fede e fuori dell'obbedienza, il mangiare è inutile e il bere vano. Se il chicco di grano, caduto in terra, non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto. Chi ama la propria vita, la perde e chi odia la propria vita in questo mondo, la conserverà per la vita eterna. Se uno mi vuole servire, mi segua, e dove sono io, là sarà anche il mio servitore. Oggi è il cristiano, che imitando Gesù Signore, chiede al Padre con preghiera incessante che lo faccia prima suo seme di vita eterna, lo ponga nel seno purissimo della Madre di Gesù, lo partorisca come vero suo figlio e discepolo, lo consegni alla storia perché è in essa che lui deve cadere, morire, annullarsi per trasformarsi in albero di vita eterna e anche lui, come il suo Maestro, collocarsi sul Golgota per formare rami così grandi da fare ombra al mondo, per la sua redenzione e la sua salvezza. Il cristiano in Cristo si deve annullare, annientare. Deve cadere in terra, morire a se stesso, nascere a vita evangelica, iniziare a crescere di parola in parola, di verità in verità, produrre ogni buon frutto di carità e di amore. Sempre si dovrà ricordare che quanto si compie avviene nell'invisibilità. 


IL SAPERE IN PILLOLE : GIOVEDI', 28 GENNAIO 2021
Inviato da Alba il 28/1/2021 6:30:00 (15 letture)


GIOVEDI', 28 GENNAIO 2021


È Cristo Gesù che in tutto il suo essere è Parola di Dio. Il cristiano è divenuto con Cristo un solo essere, una sola vita. La vita del cristiano è Parola di Dio per vocazione e per consacrazione, in ogni sacramento da lui ricevuto. Si è luce, si è obbligati a vivere da vera luce, figli della luce, nel Signore Gesù. Un tempo infatti eravamo tenebra, ora siamo luce nel Signore. Comportiamoci perciò come figli della luce; ora il frutto della luce consiste in ogni bontà, giustizia e verità. Cerchiamo di capire ciò che è gradito al Signore. Non partecipiamo alle opere delle tenebre, che non danno frutto.  Il cristiano deve con la Parola rivelare, dare ad ogni altro uomo la Parola della luce, della verità, della giustizia, della carità, della fede, della speranza, della misericordia, della pace. Il cristiano è stato mandato da Gesù nel mondo non solo per essere luce, ma anche datore della luce. La luce si dona comunicando la Parola nella sua purezza e verità, attinte perennemente dallo Spirito Santo. Chiediamo allo Spirito Santo che ce le faccia comprendere. Invochiamolo perché ci dia la sua intelligenza e la sua sapienza. Con le opere mai potremo nascondere di essere discepoli di Gesù. Se uno è cristiano, lo si saprà sempre. Lo può nascondere solo chi non è più luce del Signore, perché divenuto tenebra. Chi è vera luce, dovrà esserlo con le parole e con le opere. 

IL SAPERE IN PILLOLE : MERCOLEDI', 27 GENNAIO 2021
Inviato da Alba il 27/1/2021 6:00:00 (18 letture)


MERCOLEDI', 27 GENNAIO 2021


In quel tempo, Gesù cominciò di nuovo a insegnare lungo il mare. Si riunì attorno a lui una folla enorme, tanto che egli, salito su una barca, si mise a sedere stando in mare, mentre tutta la folla era a terra lungo la riva. Insegnava loro molte cose con parabole e diceva loro nel suo insegnamento: "Ascoltate". La predicazione di Gesù di solito avviene in quel bellissimo tempio che è il creato ed è stimolante notare che con la natura che lo circonda Gesù prende il massimo contatto. Qui siede in una barca che è facile immaginare cullata dallo spumeggiare candido delle onde. La folla se ne sta a riva. Gesù non parla per essere acclamato come i grandi oratori. Parla per farsi capire. E dunque propone le parabole: piccoli racconti con in cuore un insegnamento di vita. Per questo a Lui preme che la gente si impegni in ciò che è prioritario in ordine a una vita autenticamente umana e cristiana: l'ascolto. Sì, mio Signore, se m'impegno non solo a leggere in fretta e furia la Parola di Dio ma invoco lo Spirito Santo perché mi assista, mi illumini, mi aiuti a interiorizzare l'insegnamento di vita, sicuramente la mia esistenza a poco a poco cambia. 

IL SAPERE IN PILLOLE : MARTEDI', 26 GENNAIO 2021
Inviato da Alba il 26/1/2021 6:50:00 (16 letture)


MARTEDI', 26 GENNAIO 2021


«Il Signore designò altri settantadue e li inviò a due a due davanti a sé in ogni città e luogo dove stava per recarsi. Diceva loro: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il Signore della messe, perché mandi operai nella sua messe! Andate: ecco, vi mando come agnelli in mezzo a lupi; non portate borsa, né sacca, né sandali e non fermatevi a salutare nessuno lungo la strada. In qualunque casa entriate, prima dite: "Pace a questa casa!". Se vi sarà un figlio della pace, la vostra pace scenderà su di lui, altrimenti ritornerà su di voi. Restate in quella casa, mangiando e bevendo di quello che hanno, perché chi lavora ha diritto alla sua ricompensa. Non passate da una casa all'altra. Quando entrerete in una città e vi accoglieranno, mangiate quello che vi sarà offerto, guarite i malati che vi si trovano, e dite loro: "È vicino a voi il regno di Dio"». Sentirsi una sparuta minoranza, incapaci di portare a termine il lavoro con le nostre sole forze: è la prima esperienza che il Signore ci fa fare, quando ci invia. Non ci promette comodità di vita e successi immediati: piuttosto ci invita a pregare. L'arrendevolezza richiesta da Gesù è una prova di sobrietà e di spoliazione: niente borsa, sacca, sandali, saluti... Sobri, semplici, essenziali e genuini come agnelli, ignari in mezzo a un mondo di lupi rapaci guidati dall'istinto. Così, piccoli piccoli ma liberi, alzando gli occhi potremo contemplare il biondeggiare di quella messe, matura per poter unire in una medesima gioia chi semina e chi miete. 


IL SAPERE IN PILLOLE : LUNEDI', 25 GENNAIO 2021
Inviato da Alba il 23/1/2021 9:40:00 (16 letture)


LUNEDI', 25 GENNAIO 2021


Oggi è la festa della Conversione di San Paolo. A Paolo fu detto che se facciamo del male ad un cristiano, facciamo male a Dio! Pensiamoci bene: se abbiamo maltrattato una persona o anche un nemico, abbiamo maltrattato Dio stesso. «Gesù apparve agli Undici e disse loro: «Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo ad ogni creatura. Chi crederà e sarà battezzato sarà salvato, ma chi non crederà sarà condannato. Questi saranno i segni che accompagneranno quelli che credono: nel mio nome scacceranno demòni, parleranno lingue nuove, prenderanno in mano serpenti e, se berranno qualche veleno, non recherà loro danno; imporranno le mani ai malati e questi guariranno». Il tesoro della fede è troppo prezioso e importante perché io possa trattenerlo solo per me. Si moltiplicherà nella misura in cui sarò capace di condividerlo, e più lo condividerò più scoprirò ricchezze che il Signore ha deciso di affidarmi. Nessun gesto, parola, atteggiamento, pensiero è neutro: tutto potrà essere motivo di gioia e invito alla fede, e sarà come una grande rete, che accoglierà un numero sterminato di pesci! Il Creatore e Redentore del genere umano ha la capacità di donare a me, indegno, l'elevatezza della vita e l'efficienza della lingua, perché, per suo amore, non risparmio me stesso nel parlare di Lui.


« 1 ... 5 6 7 (8) 9 10 11 ... 207 »

Dalle Rubriche

Power point

Dalla Galleria foto

VISITAZIONE: SECONDO MISTERO DELLA GIOIA
NASCITA DI GESU': TERZO MISTERO DELLA GIOIA
ALTARE PREPARATO PER IL GIOVEDI' SANTO IN CAPPELLA PRIVATA
PARTICOLARE DELL'ALTARE
SALITA AL CALVARIO

Cerca nel Sito