Menu principale

Login

Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Contatore visite

« 1 (2) 3 4 5 ... 222 »
IL SAPERE IN PILLOLE : MERCOLEDI', 21 SETTEMBRE 2022
Inviato da Alba il 21/9/2022 8:30:00 (9 letture)


MERCOLEDI', 21 SETTEMBRE 2022


Nel Vangelo odierno Matteo stesso racconta la propria chiamata da parte di Gesù. Matteo presenta se stesso come un pubblicano perdonato e chiamato, e così ci fa capire in che cosa consiste la vocazione di Apostolo. E' prima di tutto riconoscimento della misericordia del Signore. Matteo si riconosce un peccatore toccato dalla misericordia divina. Ha conosciuto l'amore, perciò può diffonderlo agli altri. Domandiamo al Signore di avere questo profondo sentimento della nostra pochezza e della sua grande misericordia; siamo peccatori perdonati. Anche se non abbiamo mai commesso peccati gravi, dobbiamo dire come sant'Agostino che Dio ci ha perdonato in anticipo i peccati che per sua grazia non abbiamo commesso. Tutti dunque possiamo ringraziare il Signore per la sua infinita misericordia e riconoscere la nostra povertà di peccatori perdonati, esultando di gioia per la bontà divina. Matteo è come uno scriba che sa trarre dal suo tesoro cose nuove e cose antiche. Imitiamolo nella sua capacità di leggere gli eventi alla luce del messaggio evangelico e diventiamo noi dei "vangeli" per le persone che incontriamo. Noi oggi non abbiamo più la possibilità di sentirci chiamare per nome da Gesù come è accaduto a Matteo, ma possiamo sentire ugualmente la sua Parola e metterla in pratica. Possiamo vedere quale sia il passo del Nuovo Testamento che ci piace di più e immaginare che sia lo stesso Gesù a rivolgere a noi quelle parole. Proviamo ad individuare una parola, un comando. Matteo ha ricordato soltanto "Seguimi". Cerchiamo di impostare la nostra vita sulla parola che sentiamo che Gesù ci rivolge e proviamo ad impostare su quella la nostra vita.

IL SAPERE IN PILLOLE : MARTEDI', 20 SETEMBRE 2022
Inviato da Alba il 20/9/2022 9:10:00 (10 letture)


MARTEDI', 20 SETTEMBRE 2022


Parliamo di una Comunità dell'Estremo Oriente. Le persecuzioni che infuriarono in ondate successive anziché soffocare la fede dei neofiti, suscitarono una primavera dello Spirito a immagine della Chiesa nascente. Fu annunciata con linguaggio semplice ed efficace, ispirato alla parabola del buon seminatore, dal presbitero Andrea Kim alla vigilia del martirio. Nel suo viaggio pastorale in quella terra lontana il Papa Giovanni Paolo II, il 6 maggio 1984, iscrisse i martiri coreani nel calendario dei santi. La loro memoria si celebra nella data odierna, perché un gruppo di essi subì il martirio in questo mese. Ascoltare la Parola di Dio, metterla in pratica e confrontarci quotidianamente con la Scrittura, farne una lettura spirituale, cioè nello Spirito Santo, e lasciarla calare nelle decisioni che dobbiamo affrontare, ci rende famigliari del Signore Gesù, suoi fratelli nella fede. È una delle tante inaudite verità del Vangelo, se preso sul serio: ai legami di sangue, alla famiglia intesa come tessuto sociale legato alla parentela, Gesù osa contrapporre l'idea di comunità e di discepolato. Scegliamo di essere fratelli e sorelle perché non condividiamo più il sangue ma la fede, le scelte di vita e la conoscenza del Vangelo. È Cristo che ci ha scelti, Lui ci unisce e questo legame supera ogni differenza di etnia, di condizione e di cultura. Anche voi lo avete sperimentato: potete trovarvi in un paese straniero, con cultura e tradizioni molto diverse dalla vostra, ed incontrare una comunità cristiana che vive la vostra stessa speranza, che accoglie la stessa Parola e che professa la stessa fede. Se avessimomo avuto dei pessimi legami famigliari, potremmo crearne di nuovi a partire dalla stessa esperienza di ascolto della Parola.

PAROLA DELLA SETTIMANA : TERZA SETTIMANA DI SETTEMBRE 2022
Inviato da Alba il 17/9/2022 8:40:00 (10 letture)


                   TERZA SETTIMANA DI SETTEMBRE 2022


Vi è prima una parabola e poi una serie di ammonimenti che commentano un elemento della parabola stessa e cioè l'uso del denaro. La parabola, come è ovvio, non loda il fattore perché è disonesto, ma perché ha la chiarezza e la decisione di imboccare l'unica via di salvezza che gli si prospetta. Si sa che l'arte di cavarsela è molto applicata nelle ambigue imprese di questo mondo. Lo è molto meno nella grande impresa della salvezza eterna. Perciò Gesù ci rimprovera di essere più pronti a salvarci dai mali mondani che dal male eterno, lui che da parte sua ha fatto di tutto perché fossimo salvati, fino a salire in croce per noi. Non ci decidiamo a credere che, se non portiamo il nostro peccato davanti a Dio, siamo perduti. Cominciamo le nostre Messe confessando i peccati che abbiamo commessi, ma usciti di chiesa ricominciamo a parlare di quelli altrui. Ci troviamo di fronte ad un brano del Vangelo che sembra sconcertante, in quanto Gesù loda la sagacia di un tale che, a prima vista, sembra un furbetto infedele al suo padrone. C'è poi il padrone che sicuramente doveva essere grande proprietario terriero che non si occupava della gestione ordinaria delle sue proprietà, e aveva lasciato a un uomo di sua fiducia la responsabilità di gestirle. Qualcuno andò dal padrone accusando l'amministratore di sperperare i suoi averi. Il padrone, da parte sua, convocò immediatamente l'amministratore per chiedergli il rendiconto. Il furbo amministratore andò chiamando i debitori e  propose loro di cambiare la ricevuta dove era annotato l'ammontare del debito. In base a quanto stabilito nel libro dell'Esodo: "Se tu presti denaro a qualcuno del mio popolo, all'indigente che sta con te, non ti comporterai con lui da usuraio: voi non dovete imporgli alcun interesse". L'amministratore propone loro di scrivere nelle nuove ricevute soltanto l'ammontare che avevano ricevuto in prestito, senza gli interessi. In questo modo l'amministratore infedele si costituisce un gruppo di amici, ai quali ha fatto delle concessioni ed agevolazioni, ma sui beni altrui e non sui suoi. Gesù dà per scontato che non merita lode tutto il suo comportamento, ma lo indica come modello d'intelligenza e di sagacia nella gestione di situazioni complicate, in un ambiente corrotto. Insegna così ai suoi ascoltatori che, per arrivare nelle "dimore eterne", alla gloria del cielo, quando si vive nel mondo reale, spesso ingiusto, occorre prudenza, astuzia, e agire con rettitudine. 

Leggi tutto...
IL SAPERE IN PILLOLE : LUNEDI',19 SETTEMBRE 2022
Inviato da Alba il 17/9/2022 6:50:00 (11 letture)


LUNEDI', 19 SETTEMBRE 2022


La luce della fede si accende nelle nostre anime sollecitandola con la preghiera. E la grazia segue la luce, la luce diventa grazia. Dio è presente. Con il Battesimo noi abbiamo ricevuto questa piccola luce nel nostro cuore, nell'intimo della nostra anima. Ma può capitare che, col passare degli anni, la fiamma di questa piccola torcia diminuisca e tenda a spegnersi. Dobbiamo allora fare molta attenzione, vegliare e non accettare che si spenga definitivamente. Dobbiamo ravvivarla e conservarla sempre. Dobbiamo proteggerla e tenerla sempre accesa affinché possa illuminarci, guidarci nelle nostre scelte, nelle nostre decisioni o nelle nostre azioni, ed inondi tutta la nostra vita. Quando la Parola abbondantemente seminata germoglia e porta frutto, anche chi gli è attorno beneficia della sua bontà e se ne nutre. Se davvero la Parola ci abita e orienta le nostre scelte, non siamo solo noi a gioire e godere della vita nuova in Cristo ma anche chi ci sta attorno. Accade come se nella nostra vita si accendesse una luce che ci rischiara e rischiara anche l'ambiente che ci sta attorno. Ma, perché ciò accada, ci ammonisce Gesù, occorre mettere la lampada sul lampadario, in alto. Se la nostra fede, le nostre scoperte, la nostra vita interiore resta nascosta, abitualmente perché ci vergogniamo del giudizio altrui, pensiamo di non essere pronti o capaci nel difendere le novità che abbiamo scoperto, difficilmente riusciremo a portare luce. Gesù non ci chiede di girare con pesanti croci appese al collo, ma di lasciare che la compassione e la tenerezza del Vangelo emergano dalle nostre scelte. Un sorriso, un incoraggiamento o una richiesta di scusa possono davvero rendere una bella testimonianza al Vangelo.


 


IL SAPERE IN PILLOLE : VENERDI', 16 SETTEMBRE 2022
Inviato da Alba il 16/9/2022 10:30:00 (12 letture)


VENERDI', 16 SETTEMBRE 2022


Al tempo di Gesù, la donna nella civiltà ebraica era senza diritti, in tutto soggetta alle decisioni del marito o del padre. Non poteva uscire da sola, né parlare in pubblico, né pregare insieme agli uomini. Una condizione di servilismo assoluto e di subalternità senza vie di scampo. Gesù invece aveva realizzato le pari opportunità e senza troppi problemi. Sono passati duemila anni e la novità e la freschezza di Gesù, quell'intuizione così innovativa, stenta ancora a realizzarsi nella Chiesa. Interroghiamoci su quale sia il ruolo oggi riconosciuto alle donne. Chiediamoci se a loro riconosciamo pari dignità e se teniamo conto anche del loro punto di vista e tante volte diverso dal nostro. Domandiamoci inoltre se le nostre comunità siano posti sicuri per loro, luoghi di dialogo e di aiuto, soprattutto nel caso in cui si verifichino situazioni di violenza. Se la Chiesa è madre e maestra, è il momento di imparare ad ascoltare di più ciò che le donne hanno da dirci. 


« 1 (2) 3 4 5 ... 222 »

Dalle Rubriche

Power point

Dalla Galleria foto

VISITAZIONE: SECONDO MISTERO DELLA GIOIA
NASCITA DI GESU': TERZO MISTERO DELLA GIOIA
RITROVAMENTO DI GESU': QUINTO MISTERO DELLA GIOIA
TABERNACOLO CON SPIGHE DI GRANO E UVA
GESU' FLAGELLATO

Cerca nel Sito