Menu principale

Login

Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Contatore visite

« 1 (2) 3 4 5 ... 108 »
PAROLA DELLA SETTIMANA : SECONDA SETTIMANA DI LUGLIO 2018
Inviato da Alba il 9/7/2018 18:00:00 (43 letture)

PAROLA DELLA SETTIMANA
SECONDA SETTIMANA DI LUGLIO 2018
Gesù era nella sua città con i discepoli. Venuto il sabato andò ad insegnare nella sinagoga e tutti si stupivano e si scandalizzavano per la sua sapienza e i suoi poteri. Sapevano che era il figlio del falegname e conoscevano tutti i suoi parenti e non potevano capire da dove venisse la sua sapienza e la sua autorità. Per la loro incredulità non potè compiere prodigi, se non alcune guarigioni. Egli disse: «Un profeta non è disprezzato se non nella sua patria ed in mezzo ai suoi». Si meravigliava della loro incredulità. Andò quindi nei villaggi dei dintorni e là insegnava.

PAROLA DELLA SETTIMANA : PRIMA SETTIMANA DI LUGLIO 2018
Inviato da Alba il 2/7/2018 11:10:00 (54 letture)

PAROLA DELLA SETTIMANA
PRIMA SETTIMANA DI LUGLIO 2018
Gesù era in riva al mare e c'era una grande folla, quando uno dei capi della sinagoga di nome Giàiro lo avvicinò, chiedendo di andare a casa sua dove una figlioletta di dodici anni era in fin di vita. Gesù andò con lui, mentre una grande folla gli si stringeva intorno. Una donna che soffriva di perdite di sangue, che i medici non erano riusciti a guarire si avvicinò e gli toccò il mantello, perché riteneva che sarebbe guarita se fosse riuscita a toccargli le vesti. E così avvenne veramente. Gesù chiese chi l'avesse toccato e gli apostoli si meravigliarono della domanda, perché la folla li premeva da ogni parte. La donna si fece coraggio, gli si gettò ai piedi e disse che era stata lei a toccarlo. Gesù le disse che la sua fede l'aveva salvata e che andasse in pace. In quel momento dalla casa di Giàiro uscirono a dirgli che la figlia era morta e che non disturbasse più il maestro. Gesù, udito questo, disse a Giàiro che la bambina non era morta ma dormiva. Permise solo a Pietro, a Giacomo e al fratello Giovanni di seguirlo ed entrò nella casa. Prese la mano della bambina e le ordinò di alzarsi. Subito la fanciulla si alzò tra lo stupore di tutti. Raccomandò di non parlare di questo avvenimento e disse di darle da mangiare.

PAROLA DELLA SETTIMANA : QUARTA SETTIMANA DI GIUGNO 2018
Inviato da Alba il 24/6/2018 8:50:00 (56 letture)

PAROLA DELLA SETTIMANA
QUARTA SETTIMANA DI GIUGNO 2018 
Si compirono per Elisabetta i giorni del parto e diede alla luce un figlio. Quando vennero per circonciderlo volevano chiamarlo col nome del padre, Zaccaria, ma la madre disse che doveva chiamarsi Giovanni. Chiesero al padre che su una tavoletta confermò il nome di Giovanni. Da quel momento riprese in lui la possibilità di parlare e lodava Dio. Tutti furono presi da timore e per tutta la regione della Giudea si parlava di questo. La mano del Signore era su quel bambino, che cresceva e si fortificava nello spirito. Egli visse in regioni desertiche fino al momento in cui si manifestò a Israele.

PAROLA DELLA SETTIMANA : TERZA SETTIMANA DI GIUGNO 2018
Inviato da Alba il 18/6/2018 11:20:00 (75 letture)

PAROLA DELLA SETTIMANA
TERZA SETTIMANA DI GIUGNO 2018 
Gesù, parlando alla folla, diceva che il regno di Dio è come un uomo che getta il seme nel terreno e il seme germoglia e cresce. Quando il frutto è maturo manda la falce per la mietitura.
Il regno di Dio è come un granello di senape, che è il più piccolo dei semi, però diventa la pianta più grande dell'orto, dove gli uccelli del cielo trovano ombra per il loro nido. Gesù parlava sempre in parabole alle folle, ma ai discepoli in privato spiegava ogni cosa. 

PAROLA DELLA SETTIMANA : SECONDA SETTIMANA DI GUGNO 2018
Inviato da Alba il 11/6/2018 10:20:00 (78 letture)

PAROLA DELLA SETTIMANA
SECONDA SETTIMANA DI GIUGNO 2018 
Gesù entrò in una casa e si radunò una grande folla. Gli  scribi dicevano che Gesù scacciava i demoni per mezzo dei demoni. Gesù commentò che ciò era impossibile, perché un regno diviso in se stesso non poteva restare insieme. Continuò dicendo che tutti i peccati possono essere perdonati, ma non la bestemmia contro lo Spirito Santo. Giunse poi sua Madre con altri parenti e lo fecero chiamare, ma egli, guardandosi intorno disse: «Chi sono mia madre e i miei fratelli? Chiunque fa la volontà di Dio è mia madre, mio fratello e mia sorella». Facciamo dunque la volontà di Dio e saremo parenti di Gesù.

« 1 (2) 3 4 5 ... 108 »

Dalle Rubriche

Power point

Dalla Galleria foto

CORONA DEL ROSARIO
VISITAZIONE: SECONDO MISTERO DELLA GIOIA
1° DOLORE - PREGHIERA DI GESU'
Gesù vivo nel Tabernacolo e Gesù in Croce
GESU' INCORONATO DI SPINE

Cerca nel Sito