Menu principale

Login

Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Contatore visite






 

« 1 2 3 (4) 5 6 7 ... 132 »
PAROLA DELLA SETTIMANA : DOMENICA 6 GIUGNO 2021
Inviato da Alba il 4/6/2021 11:40:00 (31 letture)


DOMENICA, 6 GIUGNO 2021


I discepoli chiesero a Gesù dove dovevano preparare per la Pasqua ed Egli mandò due dei suoi discepoli in città dove avrebbero visto un uomo con una brocca d'acqua; lo dovranno seguire. Là dove entrerà, dovranno chiedere al padrone di casa dove fosse la stanza, in cui Lui potesse mangiare la Pasqua con i suoi discepoli. Egli mostrerà loro al piano superiore una grande sala, arredata e già pronta. Lì dovranno preparare la cena. I discepoli andarono e, entrati in città, trovarono come aveva detto loro Gesù e prepararono la Pasqua. Mentre mangiavano, Gesù prese il pane e recitò la benedizione, lo spezzò e lo diede loro, dicendo: «Prendete, questo è il mio corpo». Poi prese un calice e rese grazie, lo diede loro e ne bevvero tutti. E disse loro: «Questo è il mio sangue dell'alleanza, che è versato per molti». Dopo aver cantato l'inno, uscirono verso il monte degli Ulivi. Per intervento dello Spirito Santo inviato dal Padre, il Figlio di Dio Gesù Cristo, vero Dio e vero uomo, si rende presente in una forma reale e sostanziale tutte le volte che un sacerdote pronuncia le giuste formule su una forma di pane e su un sorso di vino presenti sull'altare: "Questo è il mio Corpo. Questo è il calice del mio Sangue per la nuova ed eterna Alleanza". Tutte le volte che un sacerdote le pronuncia dopo aver invocato il Padre perché mandi lo Spirito Santo su questi elementi avviene inesorabilmente che quella piccola forma di pane muta la sua sostanza in quella del Corpo di Cristo; quelle gocce di vino si tramutano sostanzialmente nel Sangue del Signore. Gesù di Nazareth quindi si rende presente in Corpo, Sangue anima e divinità sulla mensa, ogni qual volta che si celebra un'Eucarestia. Nell'Eucarestia, Cristo è presente nel suo vero Corpo e nel sacrificio dell'altare ripresenta la propria immolazione sulla croce.

PAROLA DELLA SETTIMANA : FINE MAGGIO E INIZIO GIUGNO 2021
Inviato da Alba il 28/5/2021 11:30:00 (34 letture)


FINE MAGGIO E INIZIO GIUGNO 2021


Il Vangelo dev'essere annunciato a ogni uomo, perché Gesù è la verità dell'uomo, ha ricevuto dal Padre ogni potere in cielo e in terra, perché ha fatto la volontà del Padre fino alla morte aprendo così per ogni uomo la via verso la pienezza della vita. Di qui le caratteristiche della missione: - la forza dell'anima è lo Spirito Santo che da Gesù risorto viene promesso e trasmesso ai discepoli, come principio della vita nuova, che deve essere annunciata e comunicata a ogni uomo; - il contenuto della missione è la sequela di Cristo, l'obbedienza al Vangelo, l'osservanza dei comandi di Gesù, l'adesione battesimale alla vita del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, il distacco dalla vita incredula, implorando e accogliendo la remissione dei peccati; - la speranza che sostiene i missionari nelle fatiche e nelle difficoltà è la certezza che Gesù è sempre con loro sino alla fine del mondo. Lo Spirito stesso, insieme al nostro spirito, attesta che siamo figli di Dio. E se siamo figli, siamo anche eredi: eredi di Dio, coeredi di Cristo, se davvero prendiamo parte alle sue sofferenze per partecipare anche alla sua gloria.


PAROLA DELLA SETTIMANA : QUARTA SETTIMANA DI MAGGIO 2021
Inviato da Alba il 21/5/2021 9:10:00 (47 letture)


QUARTA SETTIMANA DI MAGGIO 2021


Gesù disse ai suoi discepoli: «Quando verrà lo Spirito Santo, che io vi manderò dal Padre, egli darà testimonianza di me; e anche voi date testimonianza, perché siete con me fin dal principio. Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso. Quando verrà lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità, perché dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose future. Egli mi glorificherà, perché prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà. Tutto quello che il Padre possiede è mio; per questo ho detto che prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà». Nella Chiesa degli apostoli il perdono viene offerto attraverso i sacramenti del Battesimo e della Riconciliazione e nei gesti della vita cristiana. Dio ha conferito al suo popolo una grande autorità stabilendo che la salvezza fosse concessa agli uomini per mezzo della Chiesa! Ma questa autorità, per essere conforme al senso della Pentecoste, deve sempre essere esercitata con misericordia e con gioia, che sono le caratteristiche di Cristo, che ha sofferto ed è risorto, e che esulta eternamente nello Spirito Santo. Ricordiamo i sette doni dello Spirito Santo: sapienza, intelletto, consiglio, fortezza, scienza, pietà e timore di Dio.

PAROLA DELLA SETTIMANA : TERZA SETTIMANA DI MAGGIO 2021
Inviato da Alba il 14/5/2021 18:00:00 (39 letture)


PAROLA DELLA SETTIMANA


Gesù apparve agli Undici e disse loro di proclamare il Vangelo a ogni creatura in tutto il mondo. Chi crederà e sarà battezzato sarà salvato, ma chi non crederà sarà condannato. Quelli che crederanno nel Suo nome scacceranno demòni, parleranno lingue nuove, prenderanno in mano serpenti e, se berranno qualche veleno, non recherà loro danno; imporranno le mani ai malati e questi guariranno. Dopo aver parlato con loro Gesù fu elevato in cielo e sedette alla destra di Dio. Allora i discepoli partirono e predicarono dappertutto, mentre il Signore agiva insieme con loro e confermava la Parola con i segni che la accompagnavano. Ieri, domenica abbiamo festeggiato proprio l'Ascensione di nostro Signore Gesù al cielo. Egli siede alla destra del Padre. Anche tutti noi cristiani siamo degli inviati ad annunciare il Vangelo. Se crediamo siamo salvati; se rifiutiamo di credere siamo perduti. Attraverso la fede, che è il sì dato dall'uomo a Dio, noi riceviamo la vita. Il Signore conferma la predicazione degli apostoli e dei credenti con molti segni. Attraverso questi segni, Dio vuole garantire la sua azione in coloro che Egli ha inviato e invita tutti gli uomini ad abbandonare ciò che nel mondo è attraente per ottenere la salvezza.

PAROLA DELLA SETTIMANA : SECONDA SETTIMANA DI MAGGIO 2021
Inviato da Alba il 8/5/2021 18:40:00 (40 letture)


SECONDA SETTIMANA DI MAGGIO 2021  


Gesù disse ai suoi discepoli: "Come il Padre ha amato me, anche io ho amato voi. Se osserverete i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore, come io ho osservato i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore. Vi ho detto queste cose perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena. Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri come io ho amato voi. Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la sua vita per i propri amici E voi fate ciò che io vi comando. Non vi chiamo più servi, perché il servo non sa quello che fa il suo padrone; ma vi ho chiamato amici, perché tutto ciò che ho udito dal Padre mio l'ho fatto conoscere a voi. Io vi ho scelto e desidero che portiate frutto. Tutto quello che chiederete al Padre nel mio nome, ve lo concederà. Amiatevi gli uni gli altri". Continua la catechesi di Gesù ai Dodici, durante la cena di addio: ritorna due volte la preghiera del Maestro di rimanere nel Suo amore; il Figlio di Dio spiega cosa significhi rimanere nel Suo amore: osservare i Suoi comandamenti. Lui stesso ha osservato i comandamenti del Padre suo per rimanere nel Suo amore. Obbedire ai Suoi comandi, è la condizione per avere in dono la vera gioia. È singolare sentire Gesù che parla di gioia pochi minuti prima di essere arrestato.


« 1 2 3 (4) 5 6 7 ... 132 »

Dalle Rubriche

Power point

Dalla Galleria foto

ANNUNCIAZIONE: PRIMO MISTERO DELLA GIOIA
ANNUNCIAZIONE: PRIMO MISTERO DELLA GIOIA
RITROVAMENTO DI GESU': QUINTO MISTERO DELLA GIOIA
LAVANDA DEI PIEDI
DAL GRANO AL PANE, DALL'UVA AL VINO

Cerca nel Sito