Menu principale

Login

Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Contatore visite






 

« 1 2 3 4 (5) 6 7 8 ... 120 »
PAROLA DELLA SETTIMANA : QUARTA SETTIMANA DI MARZO 2020
Inviato da Alba il 21/3/2020 6:10:00 (67 letture)


PAROLA DELLA SETTIMANA


QUARTA STTIKMANA DI MARZO 2020


 Gesù vide un uomo cieco dalla nascita, fece del fango con la saliva e gli spalmò il fango sugli occhi, poi gli disse di andare a lavarsi alla piscina di Sìloe. Egli andò, si lavò e tornò che ci vedeva. Quelli che lo conoscevano perché stava a chiedere l'elemosina gli domandarono come aveva potuto acquistare la vista. Egli spiegò ciò che aveva fatto Gesù e la gente si mise a cercarlo. Sentendo quello che aveva fatto pensarono che non veniva da Dio, perché non aveva osservato il sabato. Colui che aveva avuto il dono della vista diceva che Gesù era un profeta. I Giudei non credevano che egli fosse stato cieco e chiamarono i genitori per avere spiegazioni. Essi risposero che era nato cieco, ma non sapevano come avesse potuto aprire gli occhi. Dissero di chiederlo a lui, perché avevano timore di essere scacciati dalla sinagoga se avessero riconosciuto Gesù come il Cristo. Lo chiesero di nuovo a lui, che disse che non sapeva nulla di Gesù, se non che gli aveva dato la vista. Quelli dissero che loro erano discepoli di Mosè e non sapevano nulla di Gesù. L'uomo guarito disse che non sapeva niente di Gesù, ma gli aveva dato la vista. Lo cacciarono fuori dicendogli che era nato nei peccati e voleva insegnare a loro. Gesù seppe che lo avevano cacciato, lo incontrò e gli chiese se credeva nel Figlio dell'uomo. Egli chiese chi fosse e Gesù gli rispose che era lui che gli stava parlando. Egli disse: "Credo, Signore!" e si prostrò davanti a Lui. Gesù disse che era venuto perché coloro che non vedevano, vedessero e coloro che dicevano di vedere non vedessero. I farisei chiesero se erano ciechi anche loro e Gesù rispose che se fossero stati ciechi non avrebbero avuto nessun peccato, ma dato che dicevano di vedere, il loro peccato rimaneva.

PAROLA DELLA SETTIMANA : TERZA SETTIMANA DI MARZO 2020
Inviato da Alba il 15/3/2020 15:10:00 (59 letture)


PAROLA DELLA SETTIMANA



TERZA SETTIMANA DI MARZO 2020


Gesù, affaticato per il viaggio, sedeva presso il pozzo di Giacobbe. Circa a mezzogiorno giunse una donna samaritana ad attingere acqua. Gesù le chiese da bere, ma la donna si meravigliò che Lui, giudeo si rivolgesse a lei che era samaritana. Gesù rispose che se lei avesse saputo chi era colui che le chiedeva da bere, ne avrebbe chiesto a Lui che le avrebbe dato acqua viva. Gesù aggiunse che chi beve dell'acqua del pozzo avrà di nuovo sete, ma chi beve l'acqua che può dare Gesù, non avrà più sete in eterno. La donna chiede di quell'acqua per non continuare a venire sempre al pozzo. Gesù le chiede di andare a prendere suo marito e di tornare, ma lei risponde che non ha marito. Gesù le risponde che ha detto bene, perché ha avuto cinque mariti e quello che ha adesso non è suo marito. La donna comprende che Gesù è un profeta. Gesù le dice che la salvezza viene dai Giudei e sta venendo il momento in cui i veri adoratori adoreranno in spirito e verità: questo desidera il Padre. La donna dice che sa che deve venire il Messia, chiamato Cristo e Gesù le dice che è lui il Messia, che sta parlando con lei. Giunsero poi i discepoli che erano andati a fare spese. La donna intanto andò in città e raccontò che aveva trovato un uomo che le aveva detto tutto quello che lei aveva fatto. Molti Samaritani credettero in Gesù per le parole della donna, ma poi credettero perché avevano sentito con le loro orecchie e avevano creduto che Egli era veramente il salvatore del mondo.






 







 



PAROLA DELLA SETTIMANA : SECONDA SETTIMANA DI MARZO 2020
Inviato da Alba il 7/3/2020 4:30:00 (56 letture)


PAROLA DELLA SETTIMANA


SECONDA SETTIMANA DI MARZO 2020


 Nelle Scritture la montagna è sempre il luogo della rivelazione. Dio incontra Mosè ed Elia. Mosè venne trasfigurato da quell'incontro e quando  scese dal monte Sion, aveva in mano le tavole della Legge e non sapeva che la sua pelle era diventata raggiante, poiché aveva conversato con il Signore. La magnificenza della Parola di Dio si comunica anche a coloro che la ricevono e diventano mediatori della Parola di Dio. Gesù brilla come il sole sotto gli occhi di tre discepoli. La magnificenza della rivelazione divina li rende capaci di diventare mediatori della Parola Divina. Mosè ed Elia, che rappresentano la Legge e i Profeti, si intrattengono con Lui. Gesù è l'ultima manifestazione di Dio. E' quello che dimostra la nube divina, luogo della presenza divina, dove una voce designa Gesù come il servitore regale di Dio. Ascoltiamo il suo insegnamento morale.

PAROLA DELLA SETTIMANA : PRIMA SETTIMANA DI MARZO 2020
Inviato da Alba il 1/3/2020 17:40:00 (52 letture)


PRIMA SETTIMANA DI MARZO 2020


PRIMA SETTIMANA DI MARZO 2020


 Gesù fu condotto nel deserto per essere tentato dal diavolo. Dopo aver digiunato quaranta giorni alla fine ebbe fame. Il tentatore gli suggerì di trasformare delle pietre in pane. Poi il diavolo lo portò nella città santa e lo pose nel punto più alto del Tempio e gli suggerì di gettarsi giù, perché gli angeli lo avrebbero protetto. Poi lo portò sopra un monte altissimo e gli mostrò tutti i regni del mondo e gli disse che se lo avesse adorato sarebbe diventato padrone di tutte quelle cose. Ma Gesù rispose ogni volta con la Parola di Dio, allora il diavolo lo lasciò e gli angeli si avvicinarono a Lui e lo servivano. Gesù resiste alle tentazioni e rimette radicalmente la sua vita nelle mani di Dio. Il popolo invece rifiuta di essere condotto da Dio. In ognuno dei tre tentativi di seduzione l'uomo rifiuta di essere  guidato da Dio. Questo significa anche rinunciare alla propria potenza e a diventare come Dio. In tre riprese Satana tenta Gesù a servirsi del suo potere e della sua facoltà di fare miracoli e della dominazione del mondo sottomettendosi a Satana e al suo governo di violenza. Gesù resiste, perché Dio è nel cuore della sua esistenza, perché Egli vive grazie alla sua parola, perché Egli ha talmente fiducia in Lui che non vuole attentare alla sua sovranità, né alla sua libertà. Infatti Egli sa di essere impegnato esclusivamente a servirlo.

PAROLA DELLA SETTIMANA : QUARTA SETTIMANA DI FEBBRAIO 2020
Inviato da Alba il 22/2/2020 6:00:00 (53 letture)


PAROLA DELLA SETTIMANA


QUARTA SETTIMANA DI FEBBRAIO 2020


Fu detto: "occhio per occhio e dente per dente", ma io vi dico di non opporvi al malvagio, anzi se uno ti dà uno schiaffo sulla guancia destra, tu porgigli anche l'altra; se uno ti vuole togliere la tunica, tu lascia anche il mantello. Fu detto che dovrai amare il tuo prossimo e odiare il tuo nemico, ma io vi dico: "amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano"; solo così siete figli del Padre vostro che è nei cieli. Egli fa sorgere il sole sui buoni e sui cattivi, fa piovere sui giusti e sugli ingiusti. Se amate quelli che vi amano, e se salutate solo i vostri fratelli quale ricompensa ne avrete? Fanno così anche i pubblicani e i pagani. Ma voi siate perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste.

« 1 2 3 4 (5) 6 7 8 ... 120 »

Dalle Rubriche

Power point

Dalla Galleria foto

NASCITA DI GESU': TERZO MISTERO DELLA GIOIA
CORONA DEL ROSARIO
UOVO DI PASQUA
APPARIZIONE DI GESU' RISORTO
GESU' IN CROCE TRA I LADRONI

Cerca nel Sito