Menu principale

Login

Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Contatore visite






 

« 1 (2) 3 4 5 ... 132 »
PAROLA DELLA SETTIMANA : SECONDA SETTIMANA DI AGOSTO 2021
Inviato da Alba il 7/8/2021 3:40:00 (30 letture)


  SECONDA SETTIMANA DI AGOSTO 2021



I Giudei si misero a mormorare contro Gesù perché aveva detto che era il pane disceso dal cielo e dicevano che Gesù era il figlio di Giuseppe. Di lui conoscevano il padre e la madre, perciò come poteva dire di essere disceso dal cielo. Gesù disse loro di non mormorare e che nessuno poteva andare a lui, se non perché attirato dal Padre che lo aveva mandato ed egli lo avrebbe risuscitato nell'ultimo giorno. I profeti annunciarono che tutti sarebbero stati istruiti da Dio. Chiunque ha ascoltato il Padre e ha imparato da lui, va a Gesù. Non perché qualcuno abbia visto il Padre; solo colui che viene da Dio ha visto il Padre. Chi crede ha la vita eterna. Gesù ripete che egli è il pane della vita. I loro padri avevano mangiato la manna nel deserto ed erano morti; questo è il pane che discende dal cielo, perché chi ne mangia non muoia. Gesù ripete che Egli è il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che Egli darà è la sua carne per la vita del mondo. Gesù esorta ad essere tra coloro che ascoltano il Padre e imparano da lui, che sta parlando attraverso Gesù. Prega per essere attratto dal Signore. La nostra anima è attratta anche dall'Amore. E ciò non vale solo per l'amore, ma per la verità, la gioia, la pace, il senso profondo della vita che solo Cristo sa rivelare e trasmettere. Il Padre dunque attira a Gesù e lo fa attraverso le parole di Gesù che, accolte con fede, ci conducono ad una maggiore intimità con Lui. Gesù aggiunge che il pane che egli darà è la sua carne per la vita del mondo. Il verbo "donare" indica il sacrificio di Gesù, il dono della sua vita per noi. Gesù dona se stesso e ci dona la sua vita divina. E questa presenza reale, questo cibo vivo e vero, ci è donato nell'Eucaristia! Gesù dice: «In verità, in verità vi dico: chi mangia il mio corpo e beve il mio sangue ha la vita eterna e io lo risusciterò nell'ultimo giorno».





PAROLA DELLA SETTIMANA : PRIMA SETTIMANA DI AGOSTO 2021
Inviato da Alba il 31/7/2021 4:50:00 (32 letture)


PRIMA SETTIMANA DI AGOSTO 2021


La folla vide che Gesù non era più là e nemmeno i suoi discepoli, allora salì sulle barche e si diresse alla volta di Cafàrnao alla ricerca di Gesù. Lo trovarono di là dal mare e gli chiesero quando fosse andato là. Gesù rispose loro che essi lo cercavano perché avevano mangiato quei pani che Egli aveva donato loro e si erano saziati. Disse di darsi da fare per il cibo che rimane per la vita eterna e che il Figlio dell'uomo avrebbe dato loro. Gli chiesero che cosa dovessero compiere per fare le opere di Dio. Gesù rispose loro che l'opera di Dio è di credere in colui che Egli ha mandato. Chiesero ancora quale segno avrebbe compiuto perché loro vedessero e credessero. I loro padri avevano mangiato la manna nel deserto. Rispose loro Gesù che non era stato Mosè a dare loro il pane dal cielo, ma Dio Padre. Infatti il Pane di Dio è colui che discende dal cielo e dà la vita al mondo. Allora gli chiesero di dare loro sempre quel pane. Gesù rispose loro che era lui il Pane della vita. Chi verrà a Lui non avrà più fame e chi crederà in Lui non avrà mai più sete. 

PAROLA DELLA SETTIMANA : QUARTA SETTIMANA DI LUGLIO 2021
Inviato da Alba il 24/7/2021 8:00:00 (33 letture)


QUARTA SETTIMANA DI LUGLIO 20212


Gesù passò all'altra riva del mare di Tiberìade, e lo seguiva una grande folla, perché vedeva i segni che compiva sugli infermi. Gesù salì sul monte e si pose a sedere con i suoi discepoli. Era vicina la Pasqua, la festa dei Giudei. Gesù, alzàti gli occhi, vide che una grande folla veniva da lui e chiese a Filippo dove avrebbero potuto comprare il pane per tutta quella gente. Filippo gli rispose che non sarebbero bastati duecento denari di pane. Andrea, fratello di Simon Pietro disse che c'era un ragazzo che aveva cinque pani d'orzo e due pesci. Gesù disse di far sedere tutti. Erano circa cinquemila uomini. Gesù prese i pani e, dopo aver reso grazie, li diede a quelli che erano seduti, e lo stesso fece dei pesci, quanti ne volevano. E quando tutti furono saziati, disse ai suoi discepoli di raccogliere i pezzi avanzati, perché nulla andasse perduto. Li raccolsero e riempirono dodici canestri con i pezzi dei cinque pani d'orzo, avanzati a coloro che avevano mangiato. Allora la gente, visto il segno che egli aveva compiuto, diceva che Gesù era davvero il profeta. Ma Gesù, sapendo che venivano a prenderlo per farlo re, si ritirò di nuovo sul monte, lui da solo.

PAROLA DELLA SETTIMANA : TERZA SETTIMANA DI LUGLIO 2021
Inviato da Alba il 17/7/2021 7:40:00 (48 letture)


TERZA SETTIMANA DI LUGLIO 2021


Gli apostoli si riunirono attorno a Gesù e gli riferirono tutto quello che avevano fatto e quello che avevano insegnato. Ed egli disse loro di andare in disparte in un luogo deserto, per riposarsi. Erano infatti molti quelli che andavano e venivano e non avevano neanche il tempo di mangiare. Essi allora andarono con la barca verso un luogo deserto. Molti però li videro partire  e da tutte le città accorsero là a piedi e li precedettero. Gesù, sceso dalla barca vide una grande folla ed ebbe compassione di loro, perché erano come pecore senza pastore, e si mise a insegnare loro molte cose. Far silenzio a molti fa paura perché ci obbliga a guardarci dentro, a fare i conti con quelle difficoltà che non vogliamo vedere. Con la parola di oggi Gesù ci invita ad un silenzio pieno, intenso, che ci fa scendere dentro noi stessi per ritrovare noi stessi! La scena del Vangelo infatti è come una ricarica che ci deve spingere a donare e donarci di più. Emerge la figura di Gesù; da una parte pensa al ristoro dei suoi, dall'altra eccolo rinunciare a uno spazio di intimità per prendersi cura della folla. E lo fa con amore, sentendo compassione, perché vede le lacrime degli uomini che lo cercano, la sete di verità, di senso, il bisogno di essere guidati per evitare scelte sbagliate. Gesù vede il vuoto di queste persone che si sentono come pecore senza un pastore che li sappia guidare, illuminare e sostenere.



 


PAROLA DELLA SETTIMANA : SECONDA SETTIMANA DI LUGLIO 2021
Inviato da Alba il 8/7/2021 16:00:00 (28 letture)


SECONDA SETTIMANA DI LUGLIO 2021


Gesù chiamò a sé i Dodici e prese a mandarli a due a due e dava loro potere sugli spiriti impuri. Ordinò loro di non prendere per il viaggio nient'altro che un bastone: né pane, né sacca, né denaro nella cintura; ma di calzare sandali e di non portare due tuniche. Diceva loro che quando entravano in una casa dovevano rimanervi finché non fossero partiti di là. Se in qualche luogo non li avessero accolti e non li avessero ascoltati, avrebbero dovuto andarsene e scuotere la polvere sotto i loro piedi come testimonianza contro di loro. Essi, partiti, proclamarono che la gente si convertisse, scacciavano molti demòni, ungevano con olio molti infermi e li guarivano. La missione profetica è tutt'altro che facile, ma diventa molto sostenibile e ricca di frutti quando ci si convince che essa non procede dalla nostra iniziativa, sia pure lodevole e mirata, ma che è sempre Dio a eleggere e a inviare i suoi emissari. Nessuno intraprende un incarico missionario senza obiettare all'inizio di non esserne all'altezza o almeno senza domandarsi se riuscirà a realizzare quanto gli viene chiesto. Dio agisce liberamente nella sua elezione e nella sua vocazione, prendendo le distanze dai nostri giudizi e dai nostri parametri di scelta. E soprattutto è lui a fornire i mezzi adeguati allo svolgimento di una determinata missione perché non lascia nessuno sprovvisto e impreparato. I discepoli di Gesù prendono sul serio il loro mandato, non possono che assumerlo dopo essersi immedesimati in esso e devono trovare solo in Dio la motivazione per perseverarvi nonostante le difficoltà. La missione del ministro non è mai fallimentare, anche quando sembra che i risultati del suo impegno tardino ad arrivare. Il suo lavoro arrecherà frutti, anche se a raccoglierli saranno altri. Ecco perché il latore di divini messaggi non deve demordere dal suo impegno, non deve scoraggiarsi e deve essere deciso a seguire la chiamata del Signore.


« 1 (2) 3 4 5 ... 132 »

Dalle Rubriche

Power point

Dalla Galleria foto

VISITAZIONE: SECONDO MISTERO DELLA GIOIA
NASCITA DI GESU': TERZO MISTERO DELLA GIOIA
CATINO PER LA LAVANDA DEI PIEDI IL GIOVEDI' SANTO
HO TANTO DESIDERATO MANGIARE QUESTA PASQUA CON VOI
CRISTO E' RISORTO DAI MORTI

Cerca nel Sito