Menu principale

Login

Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Contatore visite






 

« 1 (2) 3 4 5 ... 125 »
PAROLA DELLA SETTIMANA : DOMENICA, 20 DICEMBRE 2020
Inviato da Alba il 19/12/2020 4:10:00 (19 letture)


PAROLA DELLA SETTIMANATERZA SETTIMANA DI DICEMBRE 2020


 


L'Angelo Gabriele fu mandato da una giovane di nome Maria, promessa sposa di Giuseppe della casa di Davide e le disse di rallegrarsi, perché il Signore era con lei. Ella si turbò e chiese spiegazioni. L'Angelo le disse che aveva trovato grazia presso Dio e che sarebbe diventata madre di un Figlio che si sarebbe chiamato Gesù. Egli sarà grande e sarà chiamato Figlio dell'Altissimo. Erediterà il trono di Davide e il suo Regno non avrà fine. Maria chiese come sarebbe avvenuto questo poiché ella non conosceva uomo. L'angelo le rispose che sarebbe sceso su di Lei lo Spirito Santo con la potenza dell'Altissimo. Colui che nascerà sarà Santo e sarà chiamato Figlio di Dio. L'angelo aggiunse che Elisabetta, la cugina di Maria, nella sua vecchiaia aveva concepito un figlio ed era già al sesto mese, nonostante fosse detta sterile. Nulla è impossibile a Dio. Allora Maria disse: "Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola". E l'angelo si allontanò da Lei.


PAROLA DELLA SETTIMANA : SECONDA SETTIMANA DI DICEMBRE 2020
Inviato da Alba il 12/12/2020 6:20:00 (22 letture)


PAROLA DELLA SETTIMANA


SECONDA SETTIMANA DI DICEMBRE 2020


E' la settimana detta "Gaudete", perché il Natale si avvicina e mercoledì prossimo inizia la Novena. Giovanni era venuto per dare testimonianza alla luce, perché tutti credessero per mezzo di lui. I Giudei inviarono da lui sacerdoti e leviti per chiedergli chi fosse: Elia o uno dei profeti. Egli rispose di no, allora gli chiesero di dire chi fosse, per poterlo riferire a coloro che li avevano mandati. Egli rispose che era uno che grida nel deserto di rendere dritta la via del Signore. Gli chiesero ancora: "Perché battezzi, se non sei il Cristo, né Elia, né uno dei profeti?" Giovanni rispose che lui battezzava nell'acqua, ma c'era già uno in mezzo a loro, uno a cui lui non era degno di slegare i lacci dei sandali. Questo avvenne a Betania, al di là del Giordano, dove Giovanni stava battezzando.



PAROLA DELLA SETTIMANA : PRIMA SETTIMANA DI DICEMBRE 2020
Inviato da Alba il 5/12/2020 7:00:00 (20 letture)


 PAROLA DELLA SETTIMANA



PRIMA SETTIMANA DI DICEMBRE 2020


Giovanni battezzava nel deserto e proclamava un battesimo di conversione per il perdono dei peccati. Accorrevano a lui da tutta la regione della Giudea e tutti gli abitanti di Gerusalemme. E si facevano battezzare da lui nel fiume Giordano, confessando i loro peccati. Giovanni era vestito di peli di cammello, con una cintura di pelle attorno ai fianchi, e mangiava cavallette e miele selvatico. E proclamava: «Viene dopo di me Colui che è più forte di me: io non sono degno di chinarmi per slegare i lacci dei suoi sandali. Io vi ho battezzato con acqua, ma Egli vi battezzerà in Spirito Santo». 

PAROLA DELLA SETTIMANA : FINE NOVEMBRE E INIZIO DICEMBRE 2020
Inviato da Alba il 29/11/2020 5:10:00 (29 letture)


PAROLA DELLA SETTIMANA


FINE NOVEMBRE E INIZIO DICEMBRE 2020


Il tempo di Avvento vuol ridestare l'attesa dell'incontro con il Signore. Vogliamo viverlo come un periodo intenso di conversione. Iniziamo da una buona confessione e dalla preghiera, attenta, vigile e costante. La parola chiave del brano evangelico è il verbo vegliare, stare svegli, essere vigilanti. Per il credente la meta è il Signore, accogliendolo quando verrà il suo giorno. Il problema non è conoscere il momento della Sua venuta ultima né di sorella morte ma essere vigilanti, pronti, presenti a se stessi e a Dio, valorizzando il tempo e le occasioni che Egli ci dà. Vigilare significa anzitutto ricordare che abbiamo qualcosa di meraviglioso da compiere del quale renderemo conto e che ogni giorno è un'occasione unica e irripetibile per farlo. Il Signore ci invita ad essere come il portiere, che ha il compito di sorvegliare, facendo attenzione a chi entra: significa essere attenti a saper distinguere ciò che è buono per noi da ciò che non lo è. La tradizione spirituale ha associato la vigilanza alla lotta spirituale e alla preghiera, che di tale lotta è l'arma per eccellenza, ed ha fatto della vigilanza l'arte della purificazione dei pensieri, il momento fondamentale della lotta contro il peccato. Pregare è stare sulla soglia, è un passare da questo mondo al Padre. Pregare e vigilare per essere capaci di scegliere bene e amare. Che questo tempo possa davvero aiutarci per riscoprire ciò che più vale!  


PAROLA DELLA SETTIMANA : QUARTA SETTIMANA DI NOVEMBRE 2020
Inviato da Alba il 21/11/2020 6:00:00 (31 letture)


PAROLA DELLA SETTIMANAQUARTA SETTIMANA DI NOVEMBRE 2020


 Ieri abbiamo celebrato la solennità di Cristo Re dell'Universo. Ci aiuta a guardare le cose dal giusto punto di vista: quello del giudizio! La vita si concluderà con il giudizio di Dio. Saremo giudicati sull'amore. Nel Vangelo leggiamo che le pecore vengono messe alla destra e i capri alla sinistra. La colpa dei capri non è di avere fatto il male, ma di non avere fatto il bene. A coloro che hanno amato i fratelli dirà: "In verità io vi dico: tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l'avete fatto a me". E dirà agli altri: "Via, lontano da me, maledetti, nel fuoco eterno, preparato per il diavolo e per i suoi angeli, perché ho avuto fame e non mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e non mi avete dato da bere, ero straniero e non mi avete accolto, nudo e non mi avete vestito, malato e in carcere e non mi avete visitato".  

« 1 (2) 3 4 5 ... 125 »

Dalle Rubriche

Power point

Dalla Galleria foto

ANNUNCIAZIONE: PRIMO MISTERO DELLA GIOIA
NASCITA DI GESU': TERZO MISTERO DELLA GIOIA
PRESENTAZIONE AL TEMPIO: QUARTO MISTERO DELLA GIOIA
RITROVAMENTO DI GESU': QUINTO MISTERO DELLA GIOIA
1° DOLORE - PREGHIERA DI GESU'

Cerca nel Sito